Auto connesse, così le tecnologie vehicle-to-X abbattono le emissioni

Secondo le simulazioni del gruppo indipendente olandese, la diffusione del V2X tra veicoli e dispositivi di controllo del traffico può portare a -20% di

auto connesse
Foto di sandid da Pixabay

Lo studio di TNO sulle auto connesse e il clima

(Rinnovabili.it) – Se le auto ‘parlano’ tra di loro si possono abbattere le emissioni del traffico veicolare fino al 20%. Lo sostiene uno studio condotto dalla Netherlands Organisation for Applied Scientific Rersearch (TNO) e pubblicato di recente, che analizza diversi scenari possibili sull’apporto delle auto connesse per il clima. Le variabili: le tecnologie per la connettività tra veicoli e le tipologie di viaggio e di utilizzo degli stessi.

Gli esperti di TNO provano a smuovere le acque intorno alle tecnologie della connettività. Quando vengono applicate ai veicoli, in genere sia l’industria che la politica tende a considerarne i possibili vantaggi in termini di riduzione del tasso di incidenti e quindi di aumento della sicurezza stradale. Ma per TNO quelle stesse tecnologie possono fare bene al clima. E molto.

Leggi anche Connected car: in Italia 16,7 milioni di veicoli connessi

Il potenziale maggiore per ridurre le emissioni di gas serra, si legge nel report, risiede nell’affidare alle tecnologie C-V2X (cellular-vehicle to everything) la scelta del comportamento alla guida migliore. Ad esempio, i miglioramenti al modo in cui opera la segnalazione del traffico – tramite connessioni V2X – possono garantire che i veicoli continuino a muoversi, prevenendo frenate o arresti non necessari, comportamenti che aumentano il consumo di carburante.

Per arrivare ad avere una riduzione delle emissioni ottimale, tuttavia, le auto connesse dovranno arrivare su strada su larga scala. E l’ambiente circostante dovrà essere altrettanto predisposto a connettersi con i veicoli. Nelle simulazioni del team di ricerca, gli scenari che presentano combinazioni di ‘vie di mezzo’ non danno risultati soddisfacenti.

Leggi anche AEA: crescono le emissioni medie di CO2 dei veicoli europei

Il settore dei trasporti è responsabile del 30% delle emissioni totali di CO2 in Europa, di cui il 72% viene prodotto dal solo trasporto stradale. Secondo i dati più recenti pubblicati dall’Eea, l’agenzia europea per l’ambiente, anche nel 2018 per il secondo anno consecutivo sono aumentate le emissioni di CO2 dei veicoli venduti in Europa. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui