Volkswagen ID.Buzz AD, il nuovo furgone elettrico dotato di guida autonoma

Grazie alla collaborazione con Argo AI, il veicolo impiego moduli lidar, telecamere, sensori radar e un computer di bordo per assicurare in una guida sicura anche senza intervento umano

ID.Buzz furgone elettrico
Credits: Volkswagen

Il furgone elettrico “self-driving” raggiungerà la strada nel 2025

(Rinnovabili.it) – Carrozzeria camouflage, cuore elettrico e un “sistema nervoso” d’ultima generazione per muoversi nel traffico anche senza intervento umano. È il Volkswagen ID.Buzz AD, il nuovo furgone elettrico a guida autonoma della casa automobilistica tedesca. Il concept era stato annunciato nel 2017 e oggi, 4 anni dopo, la società svela i primi prototipi con l’obiettivo di iniziare la distribuzione nel 2025.

Leggi anche Propulsori innovativi, guida autonoma e sistemi avanzati di connettività con Ariya Nissan

Modellato sull’iconico pulmino T2, ID.Buzz strizza l’occhio ai nostalgici mentre prepara il terreno al futuro. Il mezzo è stato sviluppato, infatti, con la collaborazione di Argo AI, azienda statunitense di tecnologia self-driving. Il risultato? Il nuovo furgone elettrico sfoggia telecamere, radar e un impianto LiDAR sul tetto in grado di identificare tramite laser oggetti anche a 400 metri di distanza. In questo modo il software del computer di bordo può creare un’immagine a 360 gradi dell’ambiente circostante. E permettere al ID.Buzz di muoversi per le strade, prevedendo il movimento di pedoni, biciclette e altri veicoli, controllando il motore, frenando e sterzando quando necessario.

Non solo. Il prototipo impiega una specifica tecnologia LiDAR, chiamata Geiger-Mode, che rileva singoli fotoni di luce per individuare anche oggetti con bassa riflettività, come i veicoli più scuri. “Un sistema di ricognizione ambientale, costituito da 6 Lidar, 11 radar e 14 telecamere, distribuito sull’intero veicolo, può catturare molto di più dell’occhio di chi guida da suo sedile”, spiega Christian Senger, a capo della divisione Guida Autonoma di VW. Si tratta del primo mezzo dell’azienda dotato di autonomia SAE di Livello 4.

Leggi anche A Torino il primo minibus elettrico a guida autonoma: parte lo Shuttle Olli

Alcuni prototipi sono attualmente in fase di test presso una struttura interna all’aeroporto internazionale di Monaco. Ma Volkswagen e Argo AI hanno in programma di iniziare a breve delle prove su strada. L’obiettivo ultimo è portare gli ID.Buzz in attività tramite MOIA, la filiale del Gruppo VW, per un servizio di ride sharing autonomo ad Amburgo nel 2025.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui