Una rete di piste lungo la superstrada ciclabile Firenze Prato

La regione Toscana e le amministrazioni locali firmano un Accordo di programma per realizzare una rete ciclopedonale di oltre 38 km

superstrada ciclabile Firenze Prato

 

 

Nuovo investimento da 7 milioni per  la superstrada ciclabile Firenze Prato

(Rinnovabili.it) – Il progetto della Superstrada ciclabile Firenze Prato si fa ancora più grande. Presentato nel 2016 con l’obiettivo di realizzare un’imponente infrastruttura dedicata alla mobilità dolce tra i due comuni toscani, il percorso ciclabile dovrebbe essere a regime una strada a quattro corsie, illuminata con luci a led adattive e contornata di nuove alberature, aree di sosta e attrezzature di servizio sia per le bici che per i ciclisti. Ma soprattutto dovrebbe essere interconnessa ad una rete capillare di percorsi ciclopedonali: quasi 30 km di piste in grado di favorire la mobilità sostenibile sul territorio ed incentivare l’uso di mezzi di trasporto alternativi all’auto. Questa “espansione” è al centro dell’Accordo di programma firmato tra la Regione Toscana ed i rappresentanti dei Comuni di Firenze, Prato, Poggio a Caiano, Carmignano, Sesto Fiorentino, Calenzano, Campi Bisenzio, Signa, della Città metropolitana di Firenze e della Provincia di Prato.

 

>>Leggi anche MIT: pronto il decreto per finanziare le ciclovie turistiche<<

 

L’intesa – sostenuta da un investimento di 7 milioni di euro – prevede la realizzazione di nuove poste ciclabili nell’area del Parco agricolo della Piana e l’integrazione dei percorsi  già realizzati. Spiega Vincenzo Ceccarelli, assessore alle Infrastrutture e mobilità della Regione Toscana “Dobbiamo pensare che questo sistema di ciclopiste sarà raccordato alla ‘ciclostrada’ a quattro corsie tra Firenze e Prato, quindi in tutto saranno oltre 38 km di ciclopiste che connetteranno importanti centri abitati, aree commerciali e produttive ed anche di unire tra loro ciclopiste già esistenti. Una volta realizzata questa infrastruttura contribuirà senza dubbio a far diminuire il numero dei mezzi privati in circolazione, con benefici per la qualità dell’aria e per la sicurezza stradale”. L’amministrazione scommette anche sulla carta del turismo ecosostenibile “Essendo collegata anche alla ciclopista dell’Arno, potrà rappresentare un’opportunità anche di promozione del territorio. L’Italia è una delle mete più amate dai cicloturisti, secondo in Europa solo all’Olanda”.

 

Articolo precedenteOrsted, dal business fossile alla leadership nell’eolico
Articolo successivoSempre più forti gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui