L’Italia studia il modello francese del leasing sociale per l’auto elettrica

Rata mensile sotto i 100 euro e accesso a un parco mezzi ecologici ma “popolari”. L’idea del leasing sociale per l’auto elettrica si fa strada

leasing sociale per l'auto elettrica
Foto di Red Dot su Unsplash

Lanciato dalla Francia (ma non ancora effettivo) il leasing sociale per l’auto elettrica può allargare la platea degli utenti

(Rinnovabili.it) – Anche l’Italia potrebbe adottare il modello francese di leasing sociale per l’auto elettrica. Un modello che, a dire la verità, non è ancora effettivo, dato che il Ministero continua a rinviarne la partenza. Tuttavia, il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, ne aveva parlato già lo scorso ottobre mentre ora secondo Repubblica, sarebbero partiti i primi colloqui tra l’Automobile Club d’Italia e il governo. 

L’Idea è stabilire una rata che parta da 75 euro mensili per facilitare l’accesso all’auto elettrica anche alle famiglie che non riescono a permettersela oggi. Infatti, uno dei problemi della diffusione dei veicoli a basse emissioni è proprio questo: costano cari. Con la riduzione o la fine degli incentivi, il mercato sta per tirare il freno a mano, con gran preoccupazione dei produttori. Altra ragione per la quale un picco sembra essere stato raggiunto, è che il segmento composto dagli “early adopters” è ormai saturo.

Come funziona il leasing sociale per l’auto elettrica

Dalla Francia quindi è partita l’idea di un leasing sociale per l’auto elettrica, in modo da renderla più accessibile anche alle fasce meno abbienti. Il modello francese è simile a quello del noleggio con riscatto. Prevede una rata mensile che non dovrebbe superare i 100 euro e sarà lo Stato a farsi carico della somma restante. Restituendo un auto diesel o benzina, insomma si può aprire un finanziamento agevolato per l’acquisto di un EV.

L’iniziativa dovrebbe partire a dicembre, secondo le intenzioni dell’Eliseo. In Italia, invece, potrebbe essere avviata nel 2024 sotto forma di sperimentazione. ACI avrebbe la gestione del parco d’auto riconsegnate dai cittadini per accedere al leasing sociale. Per usufruire dell’agevolazione, occorrerà presentare modulo ISEE. Inoltre, verranno considerati l’età del veicolo da rottamare e il tipo di automobile scelto per sostituirlo. Ancora non è certo, ma in base ai diversi parametri potrebbe essere stilata una graduatoria in base a cui concedere il leasing e stimare l’importo della rata.

Articolo precedenteTecnologia etica delle smart cities: come usare IA e dati per il bene sociale
Articolo successivoARERA: nel 2022 e 2023 mercato libero più conveniente del tutelato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!