La Commissione UE passa il bianchetto sugli standard Euro 7

L’esecutivo europeo adotta pienamente la richiesta delle case automobilistiche. Anni di lobbying riescono a bloccare l’introduzione di criteri emissivi più stringenti per i veicoli. T&E: “I profitti delle case automobilistiche hanno la priorità sulla salute di milioni di europei”.

Standard Euro 7: passo indietro dell’UE, saranno come l’Euro 6
Photo by Joseph Chan on Unsplash

L’UE lavora da 4 anni a nuovi standard Euro 7

(Rinnovabili.it) – Tra i corridoi di Bruxelles fanno breccia gli argomenti dei lobbisti delle case automobilistiche. Meglio non fissare nuovi limiti emissivi per le auto, sarebbe la mazzata finale a un’industria già fiaccata dal Covid, dalla crisi energetica e dal calo delle vendite. Così la Commissione UE decide di passare il bianchetto sui futuri standard Euro 7: saranno identici agli Euro 6.

“Alla luce delle attuali circostanze geopolitiche ed economiche, è stata effettuata una revisione finale per garantire considerazioni aggiornate per l’industria automobilistica e i consumatori”, si legge nel progetto di legge preparato dall’esecutivo europeo, che sarà presentato il 9 novembre ed è stato visto in anteprima da Politico. “La domanda e le vendite di veicoli a motore sono diminuite e le esigenze di investimento per la trasformazione verde sono in aumento”, continua il documento notando che tutto ciò ha portato a “una pressione senza precedenti” sul settore.

Leggi anche Stop auto diesel e benzina: il Consiglio UE mantiene il 2035

Risultato? Tutte queste considerazioni spingono la Commissione a “minimizzare” i costi associati a standard Euro 7 più stringenti. Tradotto: i nuovi limiti emissivi non cambieranno nulla rispetto agli Euro 6. Tanto, ragionano a Bruxelles, si sta già lavorando allo stop alla vendita di veicoli con motori endotermici entro il 2035.

È esattamente la linea portata avanti dalle case automobilistiche in questi mesi. Il denaro necessario per adeguare i motori a diesel e benzina a nuovi standard Euro 7 sarebbero meglio investiti nella transizione all’elettrico, su cui è necessario lavorare subito per farsi trovare pronti alla scadenza del 2035.

Leggi anche Mercato delle auto elettriche in Europa: : BEV calano all’11%

“La lobby dell’industria automobilistica si è opposta strenuamente all’Euro 7″, spiega Anna Krajinska di Transport & Environment. “Ora la Commissione ha ceduto alle loro richieste. I profitti delle case automobilistiche hanno la priorità sulla salute di milioni di europei”.

Articolo precedenteIl meccanismo su perdite e danni? Bastano i profitti fossili a finanziarlo 60 volte
Articolo successivoNel 2021 si eclissa l’impegno G20 per il clima

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!