• Articolo Bruxelles, 20 maggio 2015
  • L’indagine shock del Corporate Europe Observatory

    Interferenti endocrini: con il TTIP saranno legali

  • L’industria chimica spera nel trattato TTIP per mandare a monte il regolamento europeo sugli interferenti endocrini e commerciarli liberamente

Interferenti endocrini con il TTIP saranno legali-(Rinnovabili.it) – I gruppi di pressione nel settore della chimica hanno lavorato anni per evitare la nascita di un regolamento europeo sugli interferenti endocrini. Il risultato è che, da quando la Direzione Generale Ambiente (DG ENVI) della Commissione Europea ha cominciato a studiarlo (era il 2013), non si sono fatti passi avanti. Anzi, i criteri per la definizione di queste sostanze nocive non saranno pronti prima del 2017.

Sono i risultati di un’intensa e lunga indagine del Corporate Europe Observatory, pubblicati stamattina in un report dal titolo “A Toxic Affair”. L’osservatorio sulle multinazionali ha portato alla luce, ancora una volta, il lavoro delle lobby e lo spregiudicato utilizzo del vasto campionario di strategie cui fanno ricorso: allarmismo, tentativi di screditare gli oppositori, tattiche dilatorie e negoziati sul TTIP.

 

Gli interferenti endocrini sono sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano, dalle materie plastiche a cosmetici e pesticidi. A causa della loro capacità di interagire con i sistemi ormonali (endocrini) degli organismi viventi, sono concausa di gravi effetti sulla salute e pesante impatto ambientale. La legislazione europea esige il divieto per i prodotti chimici che vengono identificati come interferenti endocrini.

Interferenti endocrini con il TTIP saranno legali 1L’attuale metodo prevede che le sostanze chimiche subiscano procedure di valutazione del rischio, a seguito delle quali vengano fissati i livelli di sicurezza per l’esposizione. Il problema è che per gli interferenti endocrini potrebbe essere impossibile impostare queste soglie. La Direzione Generale per l’Ambiente della Commissione Europea è stata incaricata di stabilire una serie di criteri scientifici per la valutazione degli interferenti endocrini. Ma nel processo è stata sottoposta a pressioni da parte delle aziende e isolata da altre Direzioni Generali, come Salute e Industria.

 

La lobby della chimica e dei pesticidi si è mobilitata per evitare possibili divieti per alcune sostanze. I principali gruppi di pressione ad aver lavorato contro normative stringenti sono CEFIC  (European Chemical Industry Council), ECPA (European Crop Protection Association), PlasticsEurope e Cosmetics Europe, mentre tra le singole imprese si sono distinte BASF e Bayer. Non ce l’avrebbero fatta, tuttavia, se non avessero trovato validi alleati in diversi Stati membri, nella Commissione e nel Parlamento Europeo.

Poi ci sono quelle piattaforme fatte su misura per l’industria, che mirano a promuovere gli interessi commerciali nel dibattito scientifico: ad esempio ECETOC, il Centro Europeo per l’Ecotossicologia e Tossicologia delle Sostanze Chimiche. ECETOC si presenta come think tank no profit finanziato dall’industria, il cui scopo è «migliorare la qualità della valutazione del rischio dei prodotti chimici». Bayer , BASF, Dow, DuPont e Syngenta sono tra i tanti membri sponsor dell’ECETOC.

 

Interferenti endocrini con il TTIP saranno legali

 

«Ritardare qualsiasi regolamento sugli interferenti endocrini è di cruciale importanza per l’industria – ha commentato Nina Holland, attivista del CEO e coautrice del rapporto – Questo dà loro l’opportunità di utilizzare i negoziati in corso sul trattato sul commercio e gli investimenti tra USA e UE [TTIP] per sbarazzarsi una volta per tutte di ogni normativa».

Uno degli obiettivi principali dei negoziatori TTIP è quello di appiattire le differenze tra gli standard europei e statunitensi, così da facilitare il commercio. Qualsiasi barriera regolamentare creata dall’Unione Europea in materia di interferenti endocrini, quindi, sarebbe un grave ostacolo per il libero scambio. Non per niente, già sono sorte preoccupazioni per il probabile arrivo, con il TTIP in vigore, di 82 pesticidi oggi vietati nel Vecchio continente.

Un Commento

  1. Teresa
    Posted maggio 23, 2015 at 12:40 pm

    Prodotti biologici http://blog.universobio.com/prodotti-biologici-interferenti-endocrini-il-pericolo-nascosto-nei-cosmetici-e-negli-alimenti-come-tutelarci/ ho trovato questo articolo molto interessante sul blog di prodotti biologici. Non solo i nostri bambini sono in pericolo, se pensiamo alla quantità di sostanze chimiche che inaliamo, che mangiamo o che applichiamo sul nostro corpo: profumi, creme, mascara, ombretto, fard…. sono terrorizzata. Ho eliminato i diffusori dell’ambiente,pentole antiaderenti e poi ho cambiato la mia alimentazione, scegliendo prodotti biologici.. Buona giornata

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *