• Articolo Rimini, 5 novembre 2015
  • Preoccupazione al Forum RAEE ad Ecomondo

    RAEE, il sistema è al collasso. A rischio gli obiettivi europei

  • L’Associazione per il recupero dei RAEE lancia un SOS: “Il crollo dei prezzi delle materie prime ci manderà sul lastrico senza un Decreto del governo”

RAEE il sistema è al collasso A rischio gli obiettivi europei

 

(Rinnovabili.it) – L’intero sistema di raccolta e riciclo dei RAEE è vicino al collasso: senza un adeguamento dei prezzi per i riciclatori, la variazioni di mercato porteranno l’Italia al fallimento degli obiettivi europei. A lanciare l’allarme è ASSORAEE, durante l’appuntamento annuale del Forum RAEE di Ecomondo. Il problema cui l’associazione (che riunisce i riciclatori dei Rifiuti elettrici ed elettronici di Confindustria) chiede di prestare la dovuta attenzione è rappresentato dal crollo, registrato negli ultimi mesi, dei prezzi delle materie prime ottenute dal trattamento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Questa picchiata starebbe minando alla base le attività di riciclo.

Secondo l’analisi di ASSORAEE, «il valore delle materie prime (ferro, plastica e alluminio) da aprile ad oggi ha subito un tracollo di circa il 30%-35% e la stessa riduzione hanno registrato anche i ricavi generati dal settore. Nel mese di settembre si sono verificate le contrazioni più significative e preoccupanti, -220 €/tonnellata per l’alluminio, -56 €/tonnellata per il ferro, -59 € per la plastica. Esiste, inoltre, la possibilità concreta che il mercato di alcuni materiali, come la plastica, si chiuda completamente, con il risultato di far passare il riciclo da quella che prima era una voce di ricavo, più o meno consistente, a un elemento di puro costo».

 

RAEE il sistema è al collasso A rischio gli obiettivi europei 3

 

Nel 2014 in Italia sono state raccolte 231.717 tonnellate di RAEE, in leggero aumento rispetto al 2013, ma ancora in calo rispetto al 2011 (260.081 ton) e al 2012 (237.966 ton). Attualmente il nostro Paese raggiunge i 3,8 kg per abitante l’anno, molto al di sotto dell’obiettivo europeo (circa 7,5 kg/ab) che scatterà a partire dal prossimo gennaio. Le prospettive di crescita sono «fortemente legate – dichiara ASSORAEE – all’ampliamento della raccolta effettuata dalla distribuzione secondo il ‘sistema dell’uno contro zero’».

I riciclatori si trovano stretti in una morsa: da un lato le quantità avviate a recupero sono sempre meno, dall’altra le materie prime seconde che rivendono vanno via per un piatto di lenticchie, con il risultato che è l’estremità finale della filiera a soffrire di più, perché vende e ricava sempre meno.

«I comuni e gli operatori della distribuzione effettuano la raccolta – descrive l’associazione – poi i rifiuti vengono presi in gestione dai sistemi collettivi costituti dai produttori, che li affidano agli impianti di trattamento per lo smaltimento o il riciclo, sulla base di contratti che oggi non prevedono variazioni o riallineamenti, pur in presenza di oscillazioni sostanziali dei valori delle materie prime».

 

RAEE il sistema è al collasso A rischio gli obiettivi europei 2Gabriele Canè, presidente di ASSORAEE, punta il dito contro la politica, poiché considera «non più rinviabile l’emanazione del Decreto sul trattamento adeguato che stabilisca regole certe e un sistema di controlli efficace sugli standard di qualità e sicurezza di gestione dei RAEE». Non solo, ma il gruppo chiede anche «un maggior coinvolgimento di tutti gli attori della filiera sulla sostenibilità economica del sistema e sui mercati di sbocco dei materiali riciclati, secondo i principi ormai condivisi del ‘chi inquina paga’ e della ‘responsabilità estesa del produttore’».

Senza queste misure, l’Italia diventerà la cenerentola europea in materia di gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici. Non solo sarà impossibile centrare l’obiettivo dei 7,5 kg pro capite dal 1 gennaio 2016, ma diverrà una chimera anche il target 2019, che impone una raccolta di 10 kg per abitante.

Un Commento

  1. alessandro
    Posted novembre 7, 2015 at 11:31 am

    Ancor più grave pare questo fallimento (preannunciato – lo si sa da sempre che il sistema ricilo / riutilizzo é un inutile palliativo) a guardare lo storico dei titoloni nel 2015…

    http://ademontis.wix.com/tecnologieambientali#!Il-riciclo-dei-RAEE-buono-in-aumento-no-al-collasso/cr92/563dcbe10cf28330833124a7

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *