• Articolo Roma, 18 febbraio 2016
  • Dal rapporto della Fondazione Sviluppo Sostenibile per Assovetro

    Riciclo del vetro: Italia in cammino verso gli obiettivi europei

  • Il settore del riciclo del vetro nel nostro Paese funziona, ma c’è ancora troppa differenza tra Nord e Sud. Serve uno sforzo ulteriore per agganciare gli obiettivi Ue

Riciclo del vetro Italia in cammino verso gli obiettivi europei 3

 

(Rinnovabili.it) – Il riciclo del vetro in Italia funziona, ed è un esempio di economia circolare. Queste, in sintesi, le conclusioni del rapporto “Il riciclo del vetro e i nuovi obiettivi europei per la circular economy”, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile per conto di Assovetro, l’Associazione nazionale degli industriali del vetro aderente a Confindustria.

Il rapporto, presentato ieri a Roma, descrive un settore dell’economia italiana che conta 20.200 occupati e produce 1,4 miliardi di PIL. In Europa ha generato 125 mila posti di lavoro, contribuendo con 9,5 miliardi al PIL europeo e riducendo del 48% l’utilizzo di materie prime.

«Il vetro – ha detto il Presidente della Sezione Vetro cavo di Assovetro, Marco Ravasi – è un materiale che realizza alla perfezione il concetto di economia circolare che si basa su produci-consuma-riproduci e permette di riprodurre sempre contenitori che hanno caratteristiche identiche a quelli originali. Di fronte ai nuovi obiettivi europei sarà necessario ora aumentare e migliorare le raccolte differenziate e rafforzare l’innovazione nel settore per ottenere rottami di qualità che alimentino un ciclo virtuoso».

 

I progressi dell’Italia nel riciclo del vetro

Riciclo del vetro Italia in cammino verso gli obiettivi europeiLa raccolta differenziata nel 2014 è cresciuta, anche se in modo discontinuo. Ora arriva al 77%, mentre il tasso di riciclo al 70,3 (in aumento del 2% negli ultimi 5 anni). Il reimpiego dei rottami nei forni delle aziende del settore ha permesso, nell’ultimo anno, di risparmiare materie prime tradizionali per circa 3 milioni di tonnellate. Il risparmio energetico ammonta invece a 316 milioni di metri cubi di metano e le emissioni evitate a circa 1,9 milioni di tonnellate. Ma i nuovi target europei non permettono dormite sugli allori: è necessario raggiungere il 75% nel 2025 e l’85% nel 2030. In quest’ottica, va migliorata la raccolta differenziata sia per quanto riguarda la qualità che la quantità: «Oltre 512.800 tonnellate di vetro finiscono ancora nei rifiuti indifferenziati – descrive il rapporto – mentre altre perdite emergono negli impianti di selezione e trattamento dei rottami di vetro, dove ben 150.000 tonnellate di scarti finiscono in discarica».

 

Un’Italia a due velocità nel riciclo del vetro

Vi sono grosse differenze fra i tassi di raccolta del Nord e Sud Italia. Nel Mezzogiorno vengono differenziate 358.719 tonnellate contro 1.038.734. La Lombardia, da sola, raccoglie più di tutto il meridione (399.343 tonnellate).

Anche i dati sul riciclo spaccano il Paese: secondo i dati 2014, il riciclo pro capite degli imballaggi è stato di 26,6 chili per abitante, ma dividendo lo Stivale in macroaree geografiche, il rapporto evidenzia che al Nord si riciclano 34,9 Kg/ab, al Centro 24,6 Kg/ab e al Sud solo 16,6. Il tasso di riciclo tocca punte del 73% a settentrione, contro il 54,9% del meridione. Cifre che tengono l’Italia ancora a debita distanza dagli obiettivi del pacchetto Ue sull’economia circolare. Per centrare i target, il riciclo pro capite dovrà arrivare a 28,4 kg nel 2025 e 32,2Kg nel 2030. In pratica, in meno di 10 anni, il Sud dovrà aumentare del 20% contro il 2% del Nord.

 

Riciclo del vetro Italia in cammino verso gli obiettivi europei 4

 

Non è tutto vetro quel che luccica

«Tra una raccolta differenziata al 77% e un tasso di riciclo al 70,3% – spiega Assovetro in una nota – c’è una differenza di circa il 7% di vetro che non prende la strada dell’economia circolare.  Questo scarto è dovuto a due fenomeni il peggioramento della qualità media della raccolta differenziata e la spinta selezione negli stabilimenti di trattamento di ceramica e cristallo. Per migliorare il ciclo sarà necessario quindi, puntando sull’informazione ai cittadini, evitare che cristallo e ceramica vengano conferiti insieme al vetro e che sia ridotta al minimo la frazione fine, quei piccolissimi pezzetti di vetro misti a ceramica e cristallo non selezionabili».

Servirà, in aggiunta, un miglioramento degli impianti per ridurre al minimo gli scarti, che sono aumentati di circa il 2% tra il 2011 e il 2014.

«Tra i miglioramenti impiantistici in atto – elenca Assovetro – ci sono sofisticati selettori ottici che rimuovono i frammenti di ceramica e sul fronte della ricerca, la Stazione sperimentale del vetro sta portando avanti un progetto di ricerca per il recupero di questi scarti».

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *