• Articolo New York, 12 aprile 2017
  • Come sta cambiando la finanza delle rinnovabili?

  • Nel primo trimestre del 2017 gli investimenti nell’energia pulita sono scesi del 17% rispetto allo stesso periodo nel 2016

Come sta cambiando finanza delle rinnovabili?

 

 

(Rinnovabili.it) – Le energie rinnovabili sono arrivate ad un punto di svolta e il mercato finanziario è il primo a mostrare i segni di questo cambiamento: nel modo si investe di meno ma si istalla di più, prediligendo soprattutto gli impianti su scala utility. E prediligendo anche finanziamenti con capitale di rischio e private equity.

A fare il punto della situazione è l’ultimo aggiornamento del mercato delle rinnovabili, pubblicato oggi da Bloomberg New Energy Finance (BNEF). Il report conferma in gran parte il trend dello scorso anno. Gli investimenti mondiali nell’energia pulita hanno toccato quota 53,6 miliardi di dollari in questi primi tre mesi, in calo del 17% rispetto al 1 ° trimestre 2016, ma inferiore solo del 7% rispetto all’ultimo.

 

In realtà, nel complesso, la situazione riporta segnali contrastanti: da un lato ci sono una serie di punti di forza come l’1,4 miliardi di dollari di emissioni azionarie da parte di Tesla o 650 milioni di finanziamenti da Enel al mega-fotovoltaico Villanueva in Messico; dall’altro punti deboli, come il calo, anno su anno, degli investimenti eolici.

Per Jon Moore, amministratore delegato di Bloomberg New Energy Finance, l’attuale momento “riflette, ancora una volta, il calo dei costi medi di capitale per megawatt nel settore dell’eolico e del solare. Questa tendenza significa che di anno in anno è possibile finanziare quantità equivalenti di capacità in queste tecnologie per un minor numero di dollari”.

 

Come sta cambiando finanza delle rinnovabili?

 

Analizzando questi primi mesi per tipologia di investimenti, la categoria più grande come al solito è stata quella dedicata a progetti rinnovabili su scala utility (39 miliardi di dollari di investimenti), subito seguita dagli impianti su scala più piccola, vale a dire sotto un megawatt di potenza (10,7 miliardi). Ed è questa seconda categoria quella che registra il debole aumento, comparando le performance dei due anni, unitamente alla Private Equity e Venture Capital. Dividendo i dati geograficamente, invece, si scopre che gli investimenti hanno tirato il freno negli Stati Uniti, in Cina e nel Regno Unito, aumentando invece in Germania, Francia e Giappone.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *