• Articolo Nuova Dheli, 30 marzo 2016
  • Bio-posate, dopo averle usate puoi mangiarle

  • Contro lo spreco di plastica, arriva dall’India il cucchiaio monouso commestibile. Per produrlo serve meno energia e acqua del suo concorrente in PS, e smaltirlo è un piacere

Bio-posate, dopo averle usate puoi mangiarle

 

(Rinnovabili.it) – Dopo i piatti biodegradabili, per il mercato dell’usa e getta è tempo di dare il benvenuto alle bio-posate commestibili. L’idea arriva dall’India, dove l’enorme spreco di stoviglie in plastica ha spinto Narayana Peesapaty a creare un’alternativa sostenibile.

Il mondo del monouso sta, volente o nolente, iniziando a pianificare strategie di riduzione dell’impatto ambientale. Se è vero da un lato che piatti, posate e bicchieri di plastica possono essere riciclati, lo è anche dall’altro che un recupero al 100% delle plastiche che compongono questi oggetti non è sempre possibile o attuabile. Il destino è la termovalorizzazione (della parte non riciclabile dei polimeri) o, là dove mancano in assoluto impianti per il polipropilene e il polistirene, la discarica.

 

Peesapaty ha cercato di risolavere il problema creando quello che forse a molti non sembrerà una grande novità (ma che lo è di certo per il suo paese): bio-posate commestibili realizzate a partire da miglio, riso e sorgo.  Ex ricercatore dell’ICRISAT, il chimico indiano ha già venduto un milione e mezzo di cucchiai edibili tramite la sua società, la Bakeys. Gli ingredienti usati per produrli sono semplici farine e acqua, a cui possono essere aggiunti una serie di aromi, sale o zucchero. Dopo l’uso le posate possono essere mangiate o utilizzate per il compost. “Le si può mangiare oppure le si può usare per il compost, si decompongono in quattro-cinque giorni”, spiega Peesapaty.

 

“L’energia che serve per produrre un utensile in plastica, la impieghiamo per fabbricare 100 cucchiai a base di farina di sorgo”, si legge su la pagina Kickstarter del progetto. “[…] I nostri costi energetici sono ridotti al minimo attraverso un processo semi-automatico che riduce sprechi e massimizza l’efficienza. Il nostro basso consumo di acqua per la produzione di ciascun cucchiaio (meno del 2% del peso per posata), permette ai nostri cucchiai di  mantenersi in perfette condizioni fino a 2 anni”.

Un Commento

  1. piero
    Posted aprile 4, 2016 at 8:51 am

    Ottima idea…dove si possono acquistare?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *