CometaPark, terreni abbandonati e riqualificati che accolgono le fragilità

CometaPark è un esempio di agricoltura sociale: recupero dei terreni abbandonati, formazione e inserimento al lavoro per le persone fragili, produzioni biologiche

CometaPark
Foto di Pille R. Priske su Unsplash

Dalla rigenerazione ambientale all’agricoltura sociale

CometaPark è un simbolo di accoglienza. Questo ecoparco che si trova nei Monti Picentini, un gruppo montuoso dell’Appennino Campano, ha restituito alla comunità un’estensione di oltre otto ettari: terreni abbandonati, poi rigenerati e riqualificati a Montecorvino, in provincia di Salerno.

Recupero dei terreni abbandonati al Sud

CometaPark è un’esperienza di agricoltura sociale realizzata in mezzo a olivi e macchia mediterranea. La Cooperativa Sociale Capovolti ha iniziato il lavoro di riqualificazione nel 2020 con il sostegno di Fondazione con il Sud ed Enel Cuore Onlus. Capovolti nasce nel 2013 con il sostegno della Fondazione con il Sud: ha attivato una serie di servizi per persone con disabilità mentale che comprende anche la formazione e l’accompagnamento al lavoro. L’iniziativa rientra nell’ambito del bando Terre Colte che si occupa di recuperare e ridare valore ai terreni abbandonati che si trovano al Sud. Il bando prevede la concessione, da parte dei proprietari, di terreni per una durata minima di dieci anni: i primi cinque a titolo gratuito o simbolicamente oneroso.

Leggi anche “Coltiviamo agricoltura sociale”, il valore delle persone

Contratti di lavoro regolari per le persone fragili

L’operazione non è solo di tipo naturalistico, ma si configura come un’esperienza di agricoltura sociale: infatti CometaPark si occupa concretamente dell’inserimento lavorativo di persone con fragilità che sono occupate con un contratto di lavoro regolare. Attualmente, quattro persone con differenti fragilità – selezionate dalla Cooperativa Capovolti – lavorano con orari diversi per adattarli alle loro esigenze. Il lavoro, esclusivamente di tipo agricolo, va dalla manutenzione del parco alla potatura e cura degli olivi (da cui si ottiene un ottimo olio biologico), fino alla coltivazione dell’orto biologico e delle piante da frutto.

Leggi anche Agricoltura, parte in Toscana un progetto di inserimento sociale con i fondi europei

Regalare Paccomatto per sostenere le attività di CometaPark

Nello splendido paesaggio dei Monti Picentini, CometaPark recupera le tradizioni agricole, offre proposte educative e fornisce servizi turistici ed enogastronomici. Tra le attività proposte la scorsa estate, l’introduzione all’agricoltura naturale e il bagno nel bosco, una terapia antistress nata in Giappone che prevede di camminare lentamente in mezzo agli alberi respirando profondamente per entrare in sintonia con la natura e con se stessi.

Orto Quadrato è lo spazio dedicato alla didattica per far conoscere la stagionalità degli ortaggi, le tecniche di coltivazione e la sana alimentazione. Dopo la pausa invernale riprenderanno i corsi di yoga, poi CometaPark attiverà anche corsi di trekking, orienteering e rilassamento guidato. Al mantenimento delle aree dell’ecoparco contribuisce anche il sostegno di Paccomatto, il pacco solidale ed ecosostenibile che contiene i prodotti alimentari di CometaPark.

Articolo precedenteCOP28: L’Italia in prima linea per le nuove generazioni
Articolo successivoRetrofit delle centrali a carbone, come trasformarle in batterie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!