La rinascita Favolosa dell’olio pugliese contro la Xylella

La Fs-17 è una delle due cultivar che insieme al Leccino sembra resistente al batterio che sta distruggendo gli olivi pugliesi

favolosa
Foto di Ulrike Leone da Pixabay

La Favolosa è una tipologia registrata dal CNR nel 2017

(Rinnovabili.it) – Favolosa batte Fastidiosa uno a zero. La Fs-17, conosciuta come Favolosa, è una delle due cultivar che insieme al Leccino sembra resistente alla Xylella Fastidiosa che sta distruggendo gli olivi pugliesi. Secondo i dati di Coldiretti, la Xylella ha devastato 21 milioni di piante: un danno paesaggistico enorme e un’autentica calamità per i coltivatori pugliesi. Un patrimonio paesaggistico inestimabile – molte erano le piante monumentali – annientato da incertezze, ritardi, pregiudizi e dalla mancata determinazione di combattere il batterio: un danno economico enorme a cui è seguita la perdita di migliaia di posti di lavoro

La Favolosa, derivata dalla cultivar Frantoio, è una tipologia registrata dal CNR nel 2017, frutto del miglioramento genetico studiato dal prof. Giuseppe Fontanazza (la prima sperimentazione risale agli anni Settanta del secolo scorso) e nasce come portainnesto clonale di olivo (Olea europea). Il portainnesto è una parte di pianta (solitamente le radici, il colletto e pochi centimetri di fusto) che viene innestata con il fusto di una pianta dello stesso genere botanico, ovvero una varietà diversa della stessa specie (ad esempio due tipi di melo). I portainnesti appartengono a varietà più robuste di quelle che si vogliono coltivare, e sono meno sensibili a fattori legati al terreno, al clima e ai patogeni. Il suggerimento degli esperti, per combattere la Xylella, è di non innestare la Favolosa su esemplari già compromessi dal batterio, ma di eliminare i vecchi olivi e sostituirli con impianti nuovi.

Leggi anche Specie aliene: danni all’agricoltura da piante e semi arrivati dall’estero

Dalla Favolosa si può ottenere un olio di qualità con sentori di erbaceo e fruttato, ricco di polifenoli (potenti antinfiammatori naturali). Ha una resa elevata, accrescimento rapido (la raccolta inizia dopo 2-3 anni dalla piantumazione), maturazione precoce che anticipa i tempi di raccolta, elevata attitudine alla meccanizzazione: tutti elementi che rendono possibile ridurre i costi di gestione.

La Xylella è stata individuata nel 2013, nel 2017 il CNR scoprì che la Favolosa era resistente al batterio: una speranza di ripresa per le province di Lecce, Brindisi e Taranto, dove la malattia avanzava alla velocità di due chilometri al mese. Il 20% degli olivicoltori salentini si è convertito a un’agricoltura più meccanizzata (la raccolta si fa con una metodica diversa da prima, quando si aspettava che le olive cadessero a terra) e ha cominciato a ricostituire gli impianti da cui ogni anno si possono raccogliere dai 100 ai 120 quintali di olive per ettaro (con le cultivar tradizionali si alternavano annate da 170-200 quintali ad altre da 40-50).

Ora, con l’inizio della raccolta, sembra arrivato finalmente il momento della rinascita e il recupero di un territorio fondamentale dell’agricoltura italiana grazie alla Favolosa. 

Leggi anche La misteriosa moria del Kiwi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui