Crisi alimentare mondiale, a Roma il prevertice ONU del Food System Summit

L’obiettivo del vertice romano è scaldare i motori per strappare un impegno comune e globale a settembre durante l’incontro di New York. La strategia è usare l’azione sull’alimentazione per affrontare insieme fame, crisi alimentare, povertà e diseguaglianze. Ma l’organizzazione del summit è molto criticata dalla società civile per l’impostazione troppo vicina agli interessi dell’agribusiness

Food System Summit: a Roma il pre-vertice sulla crisi alimentare mondiale
Foto di Loretta Rossiter da Pixabay

Si tiene dal 26 al 28 luglio il primo passo verso il Food System Summit

(Rinnovabili.it) – Unire le forze per far fronte alla crisi alimentare mondiale. Trovando azioni comuni, buone pratiche e linee guida che facciano dialogare gli obiettivi di sviluppo sostenibile e il sistema alimentare globale. Sono gli obiettivi del prevertice del Food System Summit dell’ONU che si tiene a Roma da oggi, 26 luglio, fino al 28 luglio.

Cos’è il Food System Summit?

Il Food System Summit è un evento che non ha precedenti nella storia recente dei vertici delle Nazioni Unite. Lo aveva annunciato a sorpresa il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, il 16 ottobre del 2019 in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione. Il summit punta a discutere come trasformare il sistema alimentare globale alla luce della crisi climatica in corso (nel frattempo si è aggiunta la sfida del Covid-19) per scongiurare che nei prossimi decenni si aggravi a livelli inauditi la crisi alimentare.

L’idea di fondo è di sfruttare il binario dell’alimentazione per fare progressi su ambiti diversi ma strettamente collegati: fame e cambiamento climatico, ma anche povertà e diseguaglianze. L’appuntamento è per il prossimo settembre, ma da oggi e per tre giorni si tiene un prevertice a Roma, che deve preparare il campo alle decisioni che saranno prese in autunno.

Di cosa si parla al prevertice di Roma

“Il pre-vertice in Italia sarà un momento fondamentale per mobilitare gli impegni ambiziosi di cui abbiamo bisogno per costruire sistemi alimentari sostenibili che funzionino per le popolazioni, il pianeta e la prosperità. Attraverso un’azione accelerata possiamo aiutare il mondo a ricostruire meglio dopo il COVID-19, combattere la fame crescente e affrontare la crisi climatica”, ha dichiarato Guterres.

La tre giorni ha un calendario molto fitto di riunioni, incontri, tavole rotonde e si terrà in formato ibrido, sia in presenza che a distanza. Ufficialmente, il prevertice del Food System Summit di Roma riunirà “giovani, piccoli agricoltori, popolazioni indigene, ricercatori, settore privato, leader politici e ministri dell’agricoltura, dell’ambiente, della salute e delle finanze”. Tutti impegnati a mettere in comune esperienze ed esigenze per delineare “una serie di nuovi impegni attraverso nuove azioni condivise e mobilitare nuovi finanziamenti e alleanze.

Tra i temi che vengono discussi figurano, tra gli altri, come raggiungere l’obiettivo fame zero, l’intreccio tra insicurezza alimentare, cambiamento climatico e perdita di biodiversità, agroecologia, innovazioni tecniche e scientifiche, uguaglianza di genere e mobilitazione di nuovi strumenti e canali finanziari.

Le critiche al Food System Summit

Questa impostazione è solo in apparenza inclusiva: in realtà lascia fuori le voci realmente radicali e innovative e resta tutta all’interno del perimetro tradizionale dell’agribusiness, quello in cui trovano posto le grandi multinazionali e gli ogm, l’agricoltura industriale e il controllo delle sementi. Con questo ragionamento una parte non piccola della società civile critica il prevertice e il summit di settembre, tra cui La Via Campesina e il World Forum of Fisher People.

Critiche che sono sorte fin dall’annuncio del summit visto che bypassa, e si sovrappone, a un meccanismo di concertazione globale già in essere che riunisce appunto attori della società civile e popoli indigeni, il Meccanismo della Società Civile e dei Popoli Indigeni. Il tema del nesso con la tutela dei diritti umani era assente ed è stato aggiunto solo in corso d’opera, mentre l’impostazione generale è lasciata nelle mani di esperti ritenuti vicini all’agribusiness, con l’esclusione di qualsiasi voce dissonante e la cooptazione di attori della società civile che l’agroindustria ritiene “tollerabili”.

Problemi che erano diventati evidenti già nel corso del 2020 quando a organizzare l’evento era stata chiamata Agnes Kalibata, già ministra dell’Agricoltura del Ruanda e a capo della Alliance for a Green Revolution in Africa, organizzazione che ha spalancato le porte dell’Africa alle colture ad alta tecnologia, alle varietà di semi commerciali ad alto rendimento e all’agricoltura intensiva.

Articolo precedenteMSC, Fincantieri e Snam: 1a nave da crociera ad idrogeno
Articolo successivoLa Cina boccia la tassa sul carbonio alla frontiera UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui