Mense universitarie, perché è importante proporre menù sostenibili

Un’indagine sulle mense universitarie dimostra che i piatti a base vegetale sono ancora una rarità nei menù. È importante promuovere la consapevolezza, perché una popolazione di circa due milioni di persone può dare un contributo rilevante alla riduzione dell’impatto ambientale dell’alimentazione

Immagine di Freepik

I secondi a base vegetale sono una rarità

Cosa si mangia nelle mense universitarie? L’alimentazione è sana? È sostenibile?

Queste e molte altre domande sono al centro del rapporto Mense per il Clima – Ranking della ristorazione universitaria curato da MenoPerPiùe diffuso da Essere Animali (un gruppo che si occupa di benessere animale e promuove un modello alimentare più sostenibile).

Un’alimentazione a basso impatto ambientale è per tutti

MenoPerPiù è un gruppo di esperti impegnato a dimostrare che un’alimentazione sana e nutriente ma a basso impatto ambientale è possibile e soprattutto è alla portata di tutti.

MenoPerPiù supporta atenei e aziende nell’offrire pasti sostenibili di qualità.

In che modo? Partendo dalla formazione per gli chef, informando le persone sul giusto rapporto con il cibo e sull’impatto di questo sull’ambiente, preparando efficaci campagne di comunicazione.

Leggi anche Mense scolastiche, il rating dei menù secondo Foodinsider

La regione più all’avanguardia è la Toscana

Nel 2022 Essere Animali ha coinvolto studenti e docenti nella campagna Mense per il Clima: un appello rivolto ad atenei ed enti per il diritto allo studio affinché le mense universitarie amplino l’offerta di piatti a base vegetale e a basso impatto ambientale.

I dati dimostrano che la strada verso la sostenibilità è ancora lunga per le mense universitarie: la metà di esse non prevede secondi a base vegetale nel menù, solo nel 20% degli atenei sono presenti 1 o 2 volte a settimana.

Positiva invece la situazione per quanto riguarda i primi piatti: il 60% delle mense universitarie offre quasi sempre un primo vegano.

Il rapporto mappa gli atenei che promuovono una maggiore offerta alimentare vegetale. Analizza 58 menù, ma solo 12 rientrano tra i virtuosi. La regione più all’avanguardia nell’innovazione dei menù in chiave ambientale è la Toscana.

Vediamo di seguito la classifica verde delle migliori mense universitarie: Pisa (campus Praticelli), Pisa (Le Piagge) e Siena (Sant’Agata), seguite da Roma (Università Campus Bio-Medico), il polo di Sesto Fiorentino dell’Università di Firenze, Cagliari, Bolzano, Siena (polo San Miniato), Bologna (Irnerio), Firenze (Calamandrei/Caponnetto), Trieste (San Giovanni/Portovecchio), Cosenza.

Università consapevoli possono fare la differenza

Il gruppo di ricerca Demetra ha calcolato l’impatto dei piatti proposti. Il risultato è abbastanza scontato: le emissioni di gas climalteranti di carne o pesce sono tra quattro e dieci volte superiori ai piatti a base di legumi.

Complessivamente, in Italia sta crescendo la consapevolezza del legame tra alimentazione e ambiente. Infatti il 26% delle persone sta eliminando o riducendo la carne nella propria dieta spinto dalla crisi climatica, 1,4 milioni di persone sono diventate vegane e l’88% fa la spesa con l’occhio attento alla sostenibilità.

Il mondo accademico – docenti, studenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo – conta su circa 2 milioni di persone: numeri che, operando scelte opportune, possono contribuire a ridurre l’impatto della nostra alimentazione sull’ambiente.

Articolo precedenteEolico offshore in Europa: + 4,2 GW mentre cresce la supply chain
Articolo successivoDalla Cina la batteria di flusso al vanadio del 40% più economica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!