Metrofood, progetto per la sicurezza alimentare

L’ENEA coordina il progetto Metrofood-IT. L’obiettivo è rafforzare l’eccellenza scientifica italiana nella sicurezza alimentare. Al progetto, finanziato con i fondi del PNRR, partecipano l’INRiM e sei atenei italiani

(Rinnovabili.it) – Metrofood-IT è un progetto che intende rafforzare l’eccellenza scientifica italiana nella sicurezza alimentare. Prevede lo sviluppo di piattaforme e servizi per la qualità, autenticità e rintracciabilità di materie prime e prodotti e per la digitalizzazione del settore.  

Atenei ed enti di ricerca

Metrofood-IT, finanziato con 17 milioni di euro dal PNRR, è coordinato da ENEA. Partecipano al progetto l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM) e le Università di Bari, Federico II di Napoli, Molise, Parma, Sapienza di Roma e Siena.

L’ENEA metterà a disposizione una serie di infrastrutture e laboratori. In particolare, i laboratori di metabolomica, spettroscopia atomica, spettrometria di massa e caratterizzazione di nanoparticelle, microbiologia e l’impianto di irraggiamento gamma Calliope presso il Centro Ricerche Casaccia (Roma); il laboratorio Smart sensors & IoT del Centro Ricerche di Frascati (Roma); l’impianto Materiali di Riferimento agroalimentari e la Facility NMR nel Centro Ricerche Trisaia (Matera); la Facility di bioeconomia circolare nel Centro Ricerche di Brindisi; il supercomputer CRESCO6 del Centro Ricerche di Portici (Napoli).

Il lancio di Metrofood-IT a pochi giorni dalla Giornata mondiale dell’alimentazione assume un significato particolarmente rilevante e potrà contribuire a raggiungere gli obiettivi prioritari del settore agroalimentare, a cominciare dal problema irrisolto della sicurezza alimentare.

I temi principali

Tra i temi di spicco, come sottolinea Claudia Zoani, della divisione Biotecnologie e Agroindustria dell’ENEA e coordinatrice del progetto, ci sono «la trasparenza, soprattutto tra microimprese e PMI, la riduzione delle frodi e delle sofisticazioni, la food defense e i sistemi di controllo dei processi di produzione, la digitalizzazione, il supporto ai policy makers e alle agenzie di ispezione e controllo, la fiducia dei consumatori e la sensibilizzazione verso l’adozione di diete più sane e sostenibili, la riduzione degli sprechi di cibo».

Interfaccia tra ricerca e innovazione

Metrofood-IT avrà un ruolo di interfaccia tra ricerca e innovazione, tra aziende e consumatori. Avrà inoltre il compito di definire e testare processi e scenari per lo sviluppo di sistemi agroalimentari sostenibili e innovativi. Inoltre è previsto il coinvolgimento diretto dei diversi stakeholder grazie a un approccio “multi-actor” e alla realizzazione di living labs. Il progetto rientra nel quadro dell’infrastruttura di ricerca europea Metrofood-RI, coordinata dall’ENEA, che coinvolge più di 2200 ricercatori di 48 tra le maggiori istituzioni di 18 Paesi europei.

I temi sul tavolo riguardano sicurezza alimentare, qualità e tracciabilità dei cibi, contrasto alle sofisticazioni e alle contraffazioni. Metrofood-RI è stata selezionata fra le eccellenze nel settore “Heath&Food” che fa parte della roadmap di ESFRIEuropean Strategy Forum on Research Infrastructures. Metrofood-IT sarà presente a Maker Faire Rome 2022 con lo stand “Sai cosa mangi? Metrofood a sostegno dei sistemi agroalimentari”.

Articolo precedenteLa Cina accende la più grande batteria ad aria compressa “avanzata”
Articolo successivoSettembre bollente per la Groenlandia: +8°C di riscaldamento globale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!