Rosso Gargano, pomodori 4.0 con Dick Trace e eatTrace

Grazie all’innovativa app eatTrace è possibile seguire le tracce dei prodotti mostrando la filiera di produzione

rosso gargano
Foto di LoggaWiggler da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Innovazione e tradizione. Queste le componenti di Dick Trace, una startup abruzzese fondata nel 2019 da Anna Rita Mastrangelo che si è ispirata all’investigatore dei fumetti Dick Tracy: in questo caso si seguono le tracce dei prodotti mostrando la filiera di produzione, come hanno fatto alcune aziende tra cui Rosso Gargano, un’azienda pugliese che si occupa di coltivazione, raccolta e trasformazione dei pomodori. 

La prima “creazione” di Dick Trace è eatTrace, un’app grazie alla quale è possibile controllare la tracciabilità degli alimenti sullo smartphone. Con eatTrace si stabilisce un rapporto di fiducia tra il produttore e il consumatore con reciproco vantaggio: il produttore di qualità ha tutto l’interesse di mostrare la propria filiera produttiva per dare valore al prodotto e prevenire le frodi; il consumatore accresce la fiducia in un produttore certificato. L’app, di facile utilizzo, permette di scansionare direttamente il codice a barre oppure di cercare i prodotti per nome, per azienda, per tipologia di prodotto.

Grazie alla partnership con Dick Trace, gli acquirenti dell’azienda conserviera pugliese Rosso Gargano potranno seguire tutto il percorso dei pomodori che acquistano inserendo o scansionando il codice a barre dell’azienda sul sito di eatTrace o sull’app. i prodotti trasformati da Rosso Pomodoro vengono dalla Puglia, in particolare dalla zona di Foggia, dove è ubicata la quasi totalità della produzione del “pomodoro lungo”. Per la coltivazione si utilizza l’irrigazione a goccia per risparmiare un bene prezioso come l’acqua, e per alcune varietà come i pomodorini e i datterini si usa l’acqua salmastra del lago costiero di Lesina. La rotazione è un obbligo, perché la coltivazione del pomodoro sfrutta molto il terreno. I pomodori di Rosso Gargano – pelati, a cubetti, passata, concentrato, pomodorini, datterini – sono lavorati e confezionati senza additivi.

Nonostante il 2020 sia stato un anno difficile a causa della pandemia, Rosso Gargano è riuscita a mantenere un alto livello di produzione e di vendita soprattutto nel canale della grande distribuzione, che ha compensato le perdite con ristoranti e pizzerie. Per il prossimo anno Rosso Gargano si aspetta un ulteriore incremento delle vendite che dovrebbe venire dal lancio di una nuova linea di prodotti confezionata in vetro: una crescita di fatturato che potrebbe tradursi anche in una crescita di occupazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui