La scienza lancia l’allarme: bisogna fermare l’apocalisse degli insetti

Un pacchetto di 12 studi scientifici fa il punto su cosa sappiamo di questo fenomeno e del suo impatto. “Il grave calo degli insetti può potenzialmente avere conseguenze ecologiche ed economiche globali”

Apocalisse degli insetti: ogni anno ne muore il 2%
via depositphotos.com

L’apocalisse degli insetti è un aspetto prominente della 6° estinzione di massa

(Rinnovabili.it) – Il nome del fenomeno è volutamente allarmante: apocalisse degli insetti. E lo è perché gli eventi che descrive sono potenzialmente devastanti per la biodiversità e la vita sul pianeta, ma l’attenzione che riceve da parte della politica e dell’opinione pubblica è minima. Cercano di porre rimedio 56 scienziati da università di tutto il mondo, autori di 12 studi pubblicati simultaneamente l’11 gennaio sulla rivista Proceedings of the National Academies of Sciences.

Va detto che i contorni dell’apocalisse degli insetti sono ancora incerti e la stessa comunità scientifica non è concorde su tutti gli aspetti. Quello che si sa con certezza, e che emerge dagli studi pubblicati ieri, è il tasso con cui stanno scomparendo le specie di insetti: ogni anno muore l’1-2% degli individui.

Leggi anche Pesticidi, agroindustria, cambiamento climatico: così collassa la popolazione degli insetti

Le cause? Tra quelle accertate ci sono i cambiamenti climatici, l’inquinamento dovuto a insetticidi ed erbicidi, l’inquinamento luminoso, l’arrivo di specie invasive e i cambiamenti nell’agricoltura e nell’uso del suolo. Il problema è la carenza di dati. Anche quelli primari, come il numero di specie di insetti esistenti. Ne sono state classificate 1 milione, ma si stima che ne esistano almeno altri 4 milioni. In alcune aree, poi, le informazioni su cosa sta avvenendo sono lacunose se non del tutto assenti.

In questo puzzle, quindi, mancano ancora molti pezzi ed è difficile per gli scienziati restituire un’immagine chiara di cosa sta succedendo. Un altro problema è riuscire a soppesare i dati contrastanti. Non tutte le specie stanno subendo dei crolli di popolazione. In alcuni casi, al contrario, le rilevazioni segnalano un’espansione. Che può essere legata all’impatto dei cambiamenti climatici (se allargano l’areale abitabile), ma anche al ‘decongestionamento’ di certe nicchie ecologiche: un effetto collaterale di un’estinzione di massa e in tempi relativamente rapidi, che allevia la pressione sulle risorse di una data area.

Leggi anche Migliaia di specie in pericolo: la sesta estinzione di massa sta accelerando

“La natura è sotto assedio e la maggior parte dei biologi concorda sul fatto che il mondo è entrato nel suo sesto evento di estinzione di massa”, si legge nello studio principale. “Il grave calo degli insetti può potenzialmente avere conseguenze ecologiche ed economiche globali”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui