Ucraina: c’è ancora speranza dopo l’incendio di Chernobyl

Sebbene molti alberi siano morti e moriranno nei prossimi 2 o 3 anni a causa dei danni provocati dalle fiamme, è probabile che la maggior parte delle foreste sopravviverà.

Incendio di Chernobyl
Credits: Pexels da Pixabay

Nonostante la portata distruttiva, ci sono segni di rinascita dopo il devastante incendio di Chernobyl

(Rinnovabili.it) – In aprile, il devastante incendio di Chernobyl, che ha colpito la cosiddetta “zona di esclusione” nei pressi dell’ex centrale, ha distrutto le lussureggianti foreste cresciute nel teatro del peggior incidente nucleare del mondo. Le fiamme hanno rappresentato un duro colpo per l’ecosistema dell’area, che aveva trovato un suo equilibrio dopo essere stata sgomberata nel 1986.

Il fuoco è stato domato solo a metà maggio, lambendo la cupola protettiva posta sopra il famoso quarto reattore nucleare e raggiungendo un’estensione di 66.000 ettari, di cui 42.000 di foreste. Il fuoco ha anche distrutto 10 villaggi nei pressi di Chernobyl. Tuttavia, secondo le autorità ucraine non è stato rilevato alcun aumento dei livelli di radiazione.

Leggi anche Chernobyl: non si placa l’incendio nei pressi della centrale nucleare

Sebbene l’incendio di Chernobyl non abbia provocato vittime umane, la fauna locale non è stata risparmiata. Se uccelli e grandi animali come lupi, alci e linci sono riusciti a fuggire, alcuni piccoli mammiferi e rettili sono morti. Le foreste di conifere sono state tra quelle colpite più duramente.

Oleksandr Borsuk, direttore del laboratorio di flora e fauna della riserva di Chernobyl, ritiene sia ancora troppo presto per valutare il danno completo. Ma, sebbene molti alberi siano morti e moriranno nei prossimi 2 o 3 anni, è probabile che la maggior parte delle foreste sopravviverà. “Monitoriamo costantemente e vediamo tendenze positive, ha affermato Borsuk.

Leggi anche Nucleare, dopo 30 anni a Chernobyl si continua a morire

Gli esperti affermano che l’incendio sia stato reso più feroce da un inverno e una primavera insolitamente secchi, che hanno permesso al fuoco di diffondersi molto rapidamente. Secondo Borsuk, incendi di simile portata potranno ripetersi man mano che i cambiamenti climatici prenderanno piede. “Dobbiamo revisionare l’intero sistema di sorveglianza, prevenzione e risposta alle emergenze“, ha affermato. Più di mille pompieri e aerei sono stati coinvolti nella lotta contro l’incendio di Chernobyl e lo smog ha raggiunto la capitale ucraina di Kiev.

Nel 1986, l’esplosione del quarto reattore di Chernobyl ha inquinato una vasta fascia d’Europa. Dopo l’esplosione, gli altri tre reattori di Chernobyl hanno continuato a generare elettricità fino alla chiusura definitiva della centrale nel 2000. Nel 2016 è stata installata una gigantesca cupola protettiva sul quarto reattore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui