Emissioni storiche: il colonialismo rende i grandi inquinatori ancora più grandi

Carbon Brief ricalcola le responsabilità dei paesi nell’innesco e nell’aggravamento della crisi climatica aggiungendo al conto della madrepatria anche i gas serra generati dal rispettivo impero coloniale. E togliendo questi volumi dal computo dei paesi che sono stati colonizzati. La Gran Bretagna raddoppia, l’Olanda triplica, la Francia aumenta del 50%. Anche l’Italia raddoppia la sua quota di gas serra storici

Emissioni storiche: il colonialismo rende i grandi inquinatori ancora più grandi
Foto di Andrew Stutesman su Unsplash

L’Italia passa dal 18° al 17° posto nella lista dei maggiori responsabili della crisi climatica

(Rinnovabili.it) – Il peso del colonialismo fa lievitare il conto delle emissioni storiche. Se si considerano anche i gas serra generati dagli imperi coloniali nei territori oltre la madrepatria, il contributo all’innesco e all’aggravarsi della crisi climatica di paesi come la Gran Bretagna, l’Olanda, la Francia aumenta a dismisura, ha calcolato Carbon Brief.

Cosa sono le emissioni storiche e perché sono importanti?

Solitamente, le emissioni storiche vengono conteggiate prendendo in considerazione i gas climalteranti generati dal 1850 a oggi da ogni singolo paese. In questo modo il ruolo dei protagonisti della rivoluzione industriale viene messo in una prospettiva più corretta, rispetto a quella fornita dai soli dati sulle emissioni attuali. Per la prima volta, un’analisi attribuisce ai paesi coloniali anche le emissioni che derivano, storicamente, dalle loro attività nelle colonie.

L’Italia raddoppia i suoi gas serra storici

Come cambia la lista dei maggiori inquinatori globali, con il nuovo calcolo sulle emissioni storiche? I primi due posti restano invariati: Stati Uniti e Cina dominano con il 21% e il 12% del totale globale. Ma molti paesi scalano di diverse posizioni la classifica.

È il caso della Gran Bretagna, che vede i suoi volumi di gas serra quasi raddoppiare, dal 3 al 5,1% del volume storico globale, con conseguente scalata dall’8° al 4° posto. Davanti all’India, l’ex colonia “gioiello”, che vede invece diminuire la sua quota del 15%. L’Olanda ne esce con volumi di gas serra triplicati (35 contro 13 GtCO2) e un salto dal 35° al 12° posto in classifica. Anche la Francia risente molto della sua storia coloniale, con il totale che cresce del 50% anche se passa soltanto dal 14° al 13° posto. La responsabilità storica dell’UE e del Regno Unito, nel complesso, aumenta del 19% a 478 Gt CO2 e mette il blocco al 2° posto tra i maggiori inquinatori globali, davanti alla Cina.

E l’Italia? Pur con un dominio coloniale più ristretto in termini temporali e geografici rispetto alle grandi potenze europee, le emissioni storiche di Roma raddoppiano da 25 a 50 GtCO2 e la fanno salire dal 18° al 17° posto in classifica.

La classifica cambia ancora se si usa come metodo di calcolo le emissioni storiche coloniali in rapporto alla popolazione attuale. “Se ponderati in base alla popolazione attuale, i Paesi Bassi (2.014 tCO2 pro capite) e il Regno Unito (1.922 t CO2) diventano i principali emettitori mondiali su base cumulativa pro capite. Seguono Russia (1.655 tCO2), Stati Uniti (1.560 tCO2) e Canada (1.524 tCO2)”, scrivono gli autori.

Articolo precedenteSalute, mangiamo prodotti contaminati senza saperlo
Articolo successivoDL energia, il CdM approva nuove misure per le rinnovabili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!