Ana, Wanda e tutti gli altri: la lunga stagione degli uragani 2021

Per il 6° anno di fila la stagione è stata sopra la norma. Come nel 2020 tempeste e uragani sono stati così tanti da esaurire le lettere dell’alfabeto da cui prendono il nome. Quattro gli uragani maggiori, tra cui il più devastante è stato Ida, abbattutosi su New Orleans nell’anniversario di Kathrina

Stagione degli uragani: quella 2021 è la 6° di fila sopra la norma
via depositphotos.com

Il dossier dell’Omm a fine stagione degli uragani

(Rinnovabili.it) – Quasi da record a settembre, lunghissima e terza per intensità dopo quella del 2015 e del 2020. La stagione degli uragani 2021 è arrivata a un soffio dall’imporsi come la peggiore della storia ma ha comunque consolidato una tendenza ormai più che evidente al rafforzamento delle perturbazioni di grande portata nell’Atlantico.

Da Ana a Wanda, passando per Fred, Ida e Odette, anche quest’anno il numero di tempeste tropicali e di uragani tra Europa e Americhe ha esaurito l’alfabeto. Se si fosse sviluppata un’altra perturbazione maggiore, i meteorologi l’avrebbero chiamata Adria, ripartendo di nuovo dalla a. Era successo anche nel 2020.

Leggi anche Iota si indebolisce ma la stagione degli uragani segna un bruttissimo record

La stagione degli uragani 2021 si è conclusa con 7 uragani, di cui 4 classificati come uragani maggiori, e con 21 tempeste tropicali. La distinzione dei nomi rispecchia l’intensità della perturbazione. Le tempeste tropicali hanno venti che soffiano a 64km/h o più; se questi superano i 118km/h diventano uragani e se raggiungono i 178km/h passano ancora di categoria come uragani maggiori.

Quella del 2021 “segna la sesta stagione consecutiva di uragani atlantici sopra la norma. È stata la prima volta in assoluto che due stagioni consecutive di uragani hanno esaurito la lista di 21 nomi di tempeste”, scrive l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm).

Leggi anche Gli uragani europei crescono di intensità e numero

L’attività di questa stagione è iniziata presto, il 22 maggio, prima dell’avvio “ufficiale” fissato convenzionalmente il 1° giugno. Si è poi rapidamente intensificata. “E’ stato il settimo anno consecutivo con una tempesta che si è formata prima dell’inizio ufficiale della stagione”. L’uragano Ida è stato il più violento dell’anno, abbattendosi su New Orleans il 30 agosto, nell’anniversario del devastante uragano Kathrina che portò sottacqua l’intera città nel 2005, cambiandone per sempre la storia.

Secondo l’Ipcc, il riscaldamento globale contribuisce all’aumento dell’intensità degli uragani, facilitando il raggiungimento delle categorie 4 e 5. Fattori climatici, tra cui La Niña, temperature superficiali del mare superiori alla norma all’inizio della stagione e precipitazioni superiori alla media con il monsone dell’Africa occidentale sono stati i principali fattori che hanno contribuito a questa stagione di uragani superiore alla media, affermano gli scienziati del NOAA statunitense. (lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui