Il tribunale di Parigi condanna la Francia, non ha fatto a sufficienza sul clima

I giudici hanno stabilito che lo Stato francese non ha intrapreso azioni adeguate per combattere i cambiamenti climatici in un caso promosso da quattro ong. Nella sentenza si parla “carenze” ecologiche e lo Stato francese viene ritenuto responsabile del mancato raggiungimento dei suoi obiettivi fissati dall’accordo di Parigi

francia
Foto di Pexels da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Non ha fatto quanto doveva, almeno non a sufficienza, sul clima. E’ per questo che il tribunale amministrativo di Parigi ha condannato la Francia; i giudici hanno stabilito che lo Stato francese non ha intrapreso azioni sufficienti per combattere i cambiamenti climatici in un caso promosso da quattro organizzazioni non governative.

Leggi anche Col ‘processo del secolo’, la Francia scrive il futuro della giustizia climatica

Le Ong, Greenpeace France, Oxfam France, la Nicolas Hulot Foundation e Notre Affaire a Tous (Our Shared Responsibility) hanno accolto con soddisfazione la decisione definendola “storica” per il loro Paese, e un vantaggio per coloro che altrove usano la legge per spingere i loro governi ad agire nella lotta contro il riscaldamento globale.

Nella sentenza il tribunale ha riconosciuto “carenze” ecologiche legate ai cambiamenti climatici e ha ritenuto lo Stato francese responsabile del mancato raggiungimento dei suoi obiettivi di riduzione dei gas serra.

Il governo ha commentato la decisione dicendo di “prendere atto” della sentenza e ha fornito un elenco di azioni in cantiere per “consentire alla Francia di rispettare in futuro gli obiettivi che si era prefissata”. Inoltre – viene spiegato da Barbara Pompili, ministra per la Transizione ecologica – il governo francese “resta pienamente impegnato a raccogliere la sfida climatica e a non lasciare nessuno da parte in questa transizione indispensabile”.

La Francia non ha raggiunto gli obiettivi nazionali che erano stati fissati dall’accordo di Parigi nel 2015 per frenare i cambiamenti climatici, e il Paese ha ritardato la maggior parte dei suoi sforzi fino a dopo il 2020. La corte ha stabilito che c’era un legame tra danno ecologico e carenze da parte dello Stato nel rispetto dei propri obiettivi e ha deciso che il rimborso in denaro non è appropriato in questo caso. Le riparazioni dovrebbero concentrarsi sulla risoluzione del mancato rispetto degli obiettivi di riduzione dei gas serra. Il tribunale si è concesso due mesi per studiare le misure di riparazione al problema. Ha anche chiesto allo Stato francese di pagare a ciascuna delle quattro organizzazioni un euro simbolico.

Leggi anche I cambiamenti climatici riempiono anche le aule di tribunale

Il presidente francese Emmanuel Macron a dicembre ha spinto a rafforzare gli obiettivi al 2030 dell’Unione europea per ridurre i gas serra di almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990, alzando il livello dal precedente obiettivo del 40%. Ma secondo Oxfam France, Greenpeace France e le altre due ong le pressioni dell’Eliseo per l’azione globale per il clima non sono supportate da altrettante misure interne per ridurre le emissioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui