Inquinamento dell’aria, ecco le particelle tossiche che penetrano nel cervello

Si accumulano a milioni e grazie alla loro forma caratteristica gli scienziati affermano che provengono dalle emissioni dei motori e dei sistemi di frenata dei veicoli

Inquinamento dell'aria, ecco le particelle tossiche che penetrano nel cervello

 

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento dell’aria penetra nel cervello e produce molti più danni di quanto si riteneva fino ad ora. Sono milioni le microscopiche particelle di metallo, disseminate nei tessuti cerebrali di persone vissute in ambienti con un elevato tasso di inquinamento, che sono state rinvenute e studiate da un team di scienziati della Lancaster University. Una scoperta che hanno definito senza mezzi termini “scioccante” per l’alta tossicità di questi elementi e i legami con alcune malattie neurodegenerative. La ricerca, appena pubblicata sulla rivista specializzata Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Gli scienziati hanno analizzato i tessuti cerebrali di 37 persone di età compresa fra i 3 e i 92 anni vissute a Città del Messico – dove l’inquinamento dell’aria è particolarmente alto – e a Manchester. Con un’estrazione magnetica hanno verificato la presenza di milioni di nanoparticelle di ossido di ferro per ciascun grammo di tessuto. Le molecole che si impiantano tra le cellule del cervello sono altrettante opportunità di danneggiamento del tessuto, quindi delle normali funzioni del nostro organismo.

 

Inquinamento dell'aria, ecco le particelle tossiche che penetrano nel cervelloImpossibile avere dubbi sull’origine di queste particelle. Infatti, spiegano i ricercatori, anche se è normale rinvenire una certa quantità di questo metallo tossico nel cervello, le molecole esaminate sono “parlanti”. La loro forma – liscia e rotonda – è compatibile soltanto con quelle emesse dai motori delle automobili o dai sistemi di frenata dei veicoli, dove si sviluppano le alte temperature necessarie per conferire loro quelle caratteristiche distintive.

Ma i danni potenziali sono ben più ampi. Una volta accumulate nel cervello, infatti, queste particelle non restano inerti ma sono bioreattive e aumentano la loro tossicità producendo radicali liberi. I danni che ne derivano sono una delle principali “impronte” di malattie degenerative come l’Alzheimer. Patologie che potrebbero presto aggiungersi alla lunga lista di quelle più strettamente correlate ai livelli di inquinamento dell’aria come malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, bronchite, enfisema e infezioni acute. E peggiorare il quadro, già fosco, tracciato di recente dall’Ocse, che stima in 9 milioni l’anno i morti da imputare all’inquinamento atmosferico in tutto il mondo.

1 commento

  1. Salve con angoscia ho letto l’articolo, abito a Parma, la città più inquinata d’Italia e credo anche d’Europa!
    Abbiamo anche un’ inceneritore in funzione da qualche anno che emette …vi lascio immaginare cosa, non aria profumata.
    Un traffico spesso congestionato, diverse tangenziali che circondano la città e d’estate un umido da far paura…siamo nella pianura padana, una fossa dove ristagna l’aria.
    Malgrado ciò, comunque, non si è riusciti a bloccare la riaccensione dell’inceneritore, l’ignoranza regna sovrana, il soldo è al primo posto, della salute frega poco a tutti, in particolare a chi ha interesse economici sullo smaltimento.
    I cittadini ormai “ammorbati” da un’aria quasi sempre schifosa non si accorgono più del cambiamento in peggio, l’abitudine tacita anche i sensi.
    Un peccato, Parma la città del prosciutto, del parmigiano, dei prodotti alimentari più che qualificati!
    Il mio è uno sfogo, ma non solo, è paura…per colpa di ignoranti, incapaci e faccendieri stiamo a guardare senza far nulla di veramente importante…difendere la salute, nostra e dei nostri figli!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui