Volkswagen deve risarcire tutta Europa per il dieselgate

Anche se il software è stato aggiornato, i defeat device di Volkswagen hanno causato un danno ai clienti truffati. Per questo la casa automobilistica deve compensazioni a tutti, mentre finora si è limitata al mercato tedesco dopo aver perso una causa presso la Corte federale di Germania

dieselgate
credits: Krzysiek da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Lo scandalo emissioni che ha travolto Volkswagen e a cascata tanti altri marchi europei non finisce con i processi. La casa di Wolfsburg ha ricevuto una condanna per il dieselgate dalla Corte di giustizia europea lo scorso dicembre: i suoi “defeat device”, i dispositivi che truccano i livelli emissivi in particolari condizioni falsando i test, sono fraudolenti. Adesso la Commissione torna alla carica: VW deve risarcire tutti i clienti truffati, non soltanto i tedeschi.

Un punto che interessa da vicino anche gli italiani. A inizio luglio è arrivata la sentenza di primo grado della class action contro Volkswagen Italia per il dieselgate: il marchio ha perso e 63mila clienti hanno iniziato a festeggiare pensando ai 200 milioni di rimborsi stabiliti dal giudice. Finora però VW ha aperto alle compensazioni soltanto per i tedeschi, dopo aver perso una causa a maggio 2020 presso la Corte federale.

Leggi anche Emissioni: Volkswagen colpevole, si chiude uno scandalo durato 5 anni

“Ci sono state sentenze del tribunale che hanno esposto il trattamento iniquo dei consumatori da parte di Volkswagen, eppure la casa automobilistica non è disposta a lavorare con le organizzazioni dei consumatori per trovare soluzioni adeguate per i consumatori”, ha dichiarato il commissario per la giustizia dell’UE Didier Reynders in una nota. “Come ho scritto alla società l’anno scorso, non solo i consumatori residenti in Germania, ma tutti i consumatori devono essere risarciti”.

La casa automobilistica da questo orecchio non ci sente. La sua posizione è che nulla è dovuto visto che VW ha già provveduto ad aggiornare i software truccati in modo da rispettare le leggi vigenti in materia di emissioni dei veicoli. Questo però non cancella la frode e il danno agli automobilisti, argomenta l’UE. E fa riferimento proprio ai processi arrivati a sentenza che danno torto a VW, come appunto il filone italiano del dieselgate. “La posizione dell’azienda non è cambiata nonostante le recenti decisioni dei tribunali nazionali e dell’UE, motivo per cui la Commissione e le autorità per i consumatori dell’UE stanno aumentando la pressione”, spiega ancora il commissario.

Leggi anche Lo scandalo emissioni colpisce ancora: verso una nuova condanna per Volkswagen

lm

Articolo precedenteUn’invasione di nuovi OGM in UK? Yes, please
Articolo successivoEfficienza energetica al primo posto, l’UE spiega come fare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui