L’inquinamento dell’aria aggrava i sintomi da Covid-19

Il primo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale, con il contributo di Copernicus. “L’esposizione all’inquinamento atmosferico da polveri sottili e gas come l’ozono, il biossido di azoto e il biossido di zolfo, può generalmente aggravare i sintomi respiratori delle infezioni virali”

inquinamento dell'aria
Foto di pedro_wroclaw da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento dell’aria può aggravare i sintomi del Covid-19. Questo, in sintesi, il pensiero di Vincent-Henri Peuch, direttore di Copernicus atmosphere monitoring service (Cams) e membro della squadra ad hoc sul Covid-19 dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo).

“Anche se attualmente ci sono poche prove sull’impatto della qualità dell’aria sulla trasmissione del virus all’aperto – osserva Peuch – sappiamo che l’esposizione all’inquinamento atmosferico da polveri sottili e gas come l’ozono, il biossido di azoto e il biossido di zolfo, può generalmente aggravare i sintomi respiratori delle infezioni virali e sembra che questo sia anche il caso di Sars-CoV-2 e di Covid-19”. 

Leggi anche Inquinamento dell’aria e Covid-19: ecco come sono legati

Copernicus ha infatti contribuito al primo rapporto del team di ricerca Covid-19 della Wmo sui fattori meteorologici e di qualità dell’aria che influenzano la pandemia. “Dall’inizio della pandemia a marzo 2020 – continua – abbiamo monitorato da vicino i collegamenti tra Covid-19 e la qualità dell’aria ed è fondamentale continuare a farlo per informare al meglio i cittadini e i governi. Un aspetto importante del nostro lavoro è stato quello di confrontare la qualità dell’aria prevista durante i normali orari ‘business as usual’ con la qualità dell’aria effettivamente osservata, combinando dati satellitari, osservazioni a terra e strumenti di modellazione per costruire un quadro completo e sostenere la ricerca epidemiologica”.

Il rapporto si basa su una revisione completa di un gran numero di articoli; e punta a fare luce sulle attuali opinioni di consenso riguardo a questo argomento e sulle questioni associate. Include informazioni sia da Copernicus atmosphere monitoring service che da Copernicus climate change service. Inoltre il rapporto rivela che le dinamiche di trasmissione di Covid-19 sembrano essere state controllate principalmente da interventi governativi piuttosto che da fattori meteorologici e di qualità dell’aria. L’intenzione della Wmo è di rivedere e aggiornare periodicamente questo rapporto per includere le ultime scoperte.

Leggi anche Da Nuova Delhi a Città del Messico, l’inquinamento dell’aria uccide 160mila persone nel 2020

“È solo guardando tutti i pezzi del puzzle – conclude Peuch – che possiamo affrontare efficacemente questa malattia e aiutare i governi ad adottare le migliori misure possibili per proteggere i cittadini”.

Articolo precedenteNella piazza virtuale per il clima, Legambiente lancia lo ‘sciopero della dad’
Articolo successivoQuando il cambiamento climatico ribalta il rating sovrano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!