Inquinamento dell’aria e Covid in Italia sono collegati: lo studio di CMCC e ISS

Lo studio scientifico ha raccolto dati da gennaio a marzo e su tutto il territorio nazionale. L’esposizione prolungata e eccessiva a polveri sottili aumenta incidenza del Covid, mortalità e letalità

Inquinamento dell’aria
credits: Holger Schué da Pixabay

 Correlazione “da moderata a forte” con l’inquinamento dell’aria

(Rinnovabili.it) – C’è un legame tra inquinamento dell’aria e Covid-19 in Italia? La risposta è sì. E l’esposizione a certi inquinanti è correlata a una maggiore incidenza della sindrome da coronavirus. E’ quanto emerge da uno studio scientifico condotto dall’Euro-Mediterranean Center on Climate Change Foundation (CMCC) insieme a università del Salento e Istituto superiore di sanità, e pubblicato su Environmental Pollution.

I ricercatori hanno individuato una correlazione da moderata a forte, nel breve termine, tra il livello di inquinamento dell’aria e l’incidenza del Covid-19 in Italia. Nello specifico, la raccolta dei dati è stata effettuata sull’intero territorio nazionale durante i primi 3 mesi del 2020. Lo studio si focalizza sull’analisi delle concentrazioni di inquinanti atmosferici (PM10, PM2,5, NO2) e al rapporto con la distribuzione spazio-temporale dei casi di Covid-19 e dei decessi. In particolare, analizza i tassi di incidenza, mortalità e letalità.

Leggi anche Inquinamento atmosferico e Covid sono legati: le prove scientifiche

“I nostri risultati suggeriscono l’ipotesi di una correlazione da moderata a forte tra il numero di giorni che superano i limiti regolamentari annuali di inquinanti atmosferici PM10, PM2,5 e NO2 e i tassi di incidenza, mortalità e mortalità di Covid-19 per tutte le 107 aree oggetto di indagine”, entra nel merito Giovanni Aloisio, autore dello studio e membro di CMCC, oltre che docente presso l’Università del Salento. La ricerca, continua Aloisio, ha invece riscontrato “correlazioni da deboli a moderate” quando l’analisi “era limitata a quattro delle regioni più colpite del Nord Italia (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto)”. In generale, le polveri sottili PM10 e PM2,5 hanno mostrato una correlazione più alta rispetto agli NOx.

Negli ultimi mesi altri studi scientifici hanno iniziato a confermare, dati alla mano, l’esistenza di un legame acclarato tra Covid-19 e inquinamento dell’aria. Una ricerca condotta negli Stati Uniti ha riscontrato che anche solo un piccolo aumento dell’esposizione a lungo termine delle persone all’inquinamento atmosferico è associato a un aumento dell’11% delle morti per Covid-19. Un altro studio recente suggerisce invece che il 15% di tutti i decessi di Covid-19 nel mondo sono attribuibili all’aria inquinata.

Leggi anche Inquinamento dell’aria e Covid-19: ecco come sono legati

Articolo precedenteI pesticidi che mangiamo, Legambiente: quasi metà dei prodotti contiene residui
Articolo successivoCarburanti verdi per aerei, gli errori da non ripetere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui