Italia da record per morti da inquinamento dell’aria: oltre 63mila decessi nel 2021

Sul dato totale dell’Europa, quasi 1 decesso prematuro su 5 per inquinamento da PM2.5 avviene in Italia. I tassi di morti da inquinamento del Belpaese in rapporto alla popolazione sono più vicini a quelli dell’est Europa che a paesi come Francia e Germania. I dati aggiornati dell’Agenzia europea per l’ambiente

Morti da inquinamento dell’aria: Italia da record con oltre 63.000 decessi
L’inquinamento in Italia il 15 ottobre 2021. Crediti: European Union, Copernicus Sentinel-5P imagery

In Europa 253mila decessi per PM2.5 in un anno

(Rinnovabili.it) – Almeno 46.800 decessi prematuri in un anno causati dall’esposizione a livelli eccesivi di polveri sottili PM2.5. Pari a più di 415.000 anni di vita persi, e un tasso di anni persi per 100.000 abitanti oltre i 700. Sono i numeri delle morti da inquinamento dell’aria in Italia nel 2021. Dati che confermano che il Belpaese, quando si tratta di qualità dell’aria, è più vicino ai paesi dell’est Europa che a quelli della metà centro-occidentale del continente.

Lo conferma l’ultimo aggiornamento sullo stato dell’inquinamento atmosferico in Europa dell’EEA, l’Agenzia UE per l’ambiente. Tra i parametri valutati, oltre ai PM2.5, anche il diossido di azoto (NO2) e l’ozono (O3), tutti sulla base delle nuove soglie di rischio stabilite dall’Organizzazione mondiale della sanità nel 2021. Per i PM2.5, il limite considerato sicuro per la salute umana è di 5 µg/m3.

I dati sulle morti da inquinamento dell’aria in Italia

Su queste basi, l’Italia viene relegata nella parte bassa della classifica su qualità dell’aria e salute in Europa. Oltre alle 46.800 morti premature collegabili all’esposizione a PM2.5, vanno conteggiati anche gli 11.300 decessi per NO2 e i 5.100 attribuibili all’O3.

Per avere un termine di paragone, la Francia conta meno della metà di morti da PM2.5 (20.100) pur avendo 8 milioni di abitanti in più, mentre in Germania sono il 30% in meno rispetto all’Italia benché i tedeschi siano 25 milioni in più degli italiani. Per trovare un’incidenza analoga a quella delle morti da inquinamento dell’aria in Italia bisogna guardare all’est Europa. Il numero di decessi è pari a quello dell’inquinatissima Polonia (che però ha 20 milioni di abitanti in meno) e i tassi di morti per 100mila abitanti sono vicini a quelli di Grecia, Repubblica Ceca, Slovacchia.

La situazione in Europa

A livello europeo, nel complesso, la situazione è in via di miglioramento ma il tema dell’inquinamento atmosferico resta prioritario e pressante. Tanto che l’EEA lo definisce “il principale rischio ambientale per la salute” e una “minaccia significativa”, anche se tra 2005 e 2021 i valori di PM2.5 sono calati del 41%.

Secondo le ultime stime dell’Agenzia, almeno 253.000 decessi nell’UE nel 2021 sono attribuibili all’esposizione a inquinamento da particolato fine superiore alla concentrazione raccomandata dall’OMS. L’inquinamento da biossido di azoto ha portato a 52.000 morti e l’esposizione a breve termine all’ozono ha portato a 22.000 decessi.

“Sebbene negli ultimi anni abbiamo fatto grandi passi avanti per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico, i nostri dati e le nostre valutazioni più recenti mostrano che l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla nostra salute rimane ancora troppo elevato, con conseguenti morti e malattie attribuibili all’inquinamento atmosferico”, commenta Leena Ylä-Mononen, direttrice esecutiva dell’EEA. “La notizia positiva è che le autorità a livello europeo, nazionale e locale si stanno attivando per ridurre le emissioni attraverso misure come la promozione del trasporto pubblico o della bicicletta nei centri urbani e attraverso una legislazione aggiornata”.

Articolo precedenteSolo -5% entro il 2030, accordo debole sulle emissioni globali dell’aviazione
Articolo successivoIl maltempo mette in pericolo le coltivazioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!