Inquinamento atmosferico, le nuove linee guida OMS sulla qualità dell’aria

L’agenzia ONU dimezza i limiti annuali per il PM2.5, adesso fissato a 5 μg/m3 mentre il limite sulle 24 ore scende da 25 a 15 μg/m3. Per i PM10 il limite annuale passa da 20 a 15 μg/m3. Abbassati anche O3, NO2, SO2 e CO

Inquinamento atmosferico: l’OMS abbassa i limiti per 6 inquinanti
via depositphotos.com

Abbassati i limiti per 6 elementi responsabili dell’inquinamento atmosferico

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento atmosferico provoca ogni anno più di 7 milioni di morti premature in tutto il mondo. Una minaccia globale per la salute tanto quanto una dieta non sana o il fumo. per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha modificato i valori di soglia per tutti i principali inquinanti.

La prima revisione dal 2005 abbassa i limiti per le polveri sottili (PM10 e PM2.5), l’ozono (O3), il biossido di azoto (NO2), il biossido di zolfo (SO2) e il monossido di carbonio (CO). L’OMS calca la mano soprattutto sul particolato sottile. I nuovi limiti per i PM2.5 prevedono una soglia annuale dimezzata a 5 μg/m3 mentre il limite sulle 24 ore scende da 25 a 15 μg/m3. Per i PM10 il limite annuale passa da 20 a 15 μg/m3. “Quasi l’80% dei decessi legati al PM2.5 potrebbe essere evitato nel mondo se gli attuali livelli di inquinamento atmosferico fossero ridotti a quelli proposti nelle linee guida aggiornate”, sostiene l’agenzia ONU.

Leggi anche Smog, città fuorilegge per qualità aria. Il rapporto di Legambiente

Per gli altri elementi alla base dell’inquinamento atmosferico, l’NO2 scende a 10 μg/m3 su base annua e a 25 μg/m3 come limite giornaliero, l’O3 si attesta adesso a 60 μg/m3 mentre la soglia sulle 24 ore per il CO è fissata a 4 μg/m3.

“L’inquinamento atmosferico è una minaccia per la salute in tutti i paesi, ma colpisce più duramente le persone nei paesi a basso e medio reddito”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Le nuove linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS sono uno strumento pratico e basato sull’evidenza per migliorare la qualità dell’aria da cui dipende tutta la vita. Esorto tutti i paesi e tutti coloro che combattono per proteggere il nostro ambiente a utilizzarli per ridurre la sofferenza e salvare vite umane”. Il sud-est asiatico è l’area con la maggior concentrazione di inquinanti.

Leggi anche Perché il Food Systems Summit 2021 ci riguarda da vicino

Ma il pericolo rappresentato dall’inquinamento atmosferico ha una portata globale. Nel 2019, più del 90% della popolazione mondiale viveva in aree dove le concentrazioni di inquinanti superavano i limiti di PM2.5 consigliati dall’OMS.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui