Cosa è successo alla qualità dell’aria globale nel 2020

I lockdown hanno aiutato a migliorare i livelli di inquinanti. Ma incendi, siccità e desertificazione hanno l’effetto opposto. E il cambiamento climatico lavora sul lungo periodo, mentre i “benefici” della pandemia sono solo temporanei

Qualità dell’aria: il primo bollettino globale dell’Omm
By Christopher Michel – https://www.flickr.com/photos/cmichel67/50324416696/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=93996320

L’Omm: “C’è un legame diretto tra cambiamento climatico e qualità dell’aria”

(Rinnovabili.it) – C’è un legame diretto tra cambiamento climatico e qualità dell’aria. In entrambi i sensi. Il blocco della produzione globale dovuto ai lockdown del 2020 ha fatto crollare i valori degli inquinanti in atmosfera. Ma, allo stesso tempo, il moltiplicarsi di eventi estremi come stagioni degli incendi prolungate e l’espansione delle aree colpite dalla siccità e dalla desertificazione che facilitano la creazione di tempeste di sabbia hanno peggiorato e di molto il grado di inquinamento dell’aria.

Lo stabilisce l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) nella prima edizione in assoluto del suo bollettino sulla qualità dell’aria globale. E avverte: queste due tendenze hanno impatti molto diversi. “Gli impatti degli inquinanti atmosferici si verificano vicino alla superficie, su scale temporali da giorni a settimane, e di solito sono localizzati”, spiega il segretario generale Petteri Taalas. “Al contrario, il cambiamento climatico in corso, causato dall’accumulo di gas serra nell’atmosfera, si sta verificando su una scala temporale che va da decenni a secoli e sta guidando i cambiamenti ambientali in tutto il mondo. Nonostante le differenze, abbiamo bisogno di una politica climatica e della qualità dell’aria coerente e integrata basata su osservazioni e scienza”, ha proseguito.

Leggi anche Salute: polveri sottili prodotte da incendi più dannose dello smog

I dati parlano chiaro. I NOx nel 2020 sono calati in media del 70% e le polveri sottili PM2.5 del 30-40% rispetto alla media registrata tra il 2015 e il 2019. Le concentrazioni di ozono sono rimaste stabili o hanno visto piccoli aumenti in Europa, ma altrove (Asia orientale, America del Sud) sono cresciute del 25-30%. I livelli di CO2 durante i lockdown sono scesi anche del 40%, mentre le concentrazioni di SO2 sono scese del 25-60% in ogni regione.

Per quanto riguarda l’apporto del cambiamento climatico, gli incendi hanno peggiorato la qualità dell’aria in Australia (dicembre 2019-gennaio 2020), Siberia e Stati Uniti (agosto-settembre). Nella seconda settimana di settembre, quando si è registrato il picco di incendi in America del Nord, i fumi per una settimana hanno esposto ad alto rischio per la salute tra i 20 e i 50 milioni di cittadini. Infine, l’Omm osserva che i cambiamenti climatici possono influenzare direttamente i livelli di inquinamento anche in altri modi. Ad esempio, l’aumento della frequenza e dell’intensità delle ondate di calore può portare all’accumulo aggiuntivo di inquinanti alla superficie. Eventi, questi, che sono in aumento per frequenza e intensità a causa del riscaldamento globale.

Leggi anche Negli USA il 25% dell’inquinamento atmosferico ha origine dagli incendi sulla West Coast

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui