Parigi vieta i veicoli diesel immatricolati tra i 2001 e il 2009

Dal 1° luglio entra in vigore il bando per auto e camion diesel con più di 13 anni: stop a 30 mila mezzi a Parigi e in 47 città del circondario.

veicoli diesel parigiEntro il 2024, la capitale francese dovrebbe vietare tutti i veicoli diesel, mentre per il 2030 sarà permessa la circolazione solo ad auto elettriche o a idrogeno

 

(Rinnovabili.it) – Auto e camion diesel con più di 13 anni di vita non possono più circolare a Parigi e in 47 piccoli comuni nei dintorni della capitale francese. La misura, prevista già da tempo, arriva in concomitanza con l’ondata di colore che ha colpito il centro Europa e la Francia in particolar modo: lo scorso fine settimana, la municipalità parigina aveva impedito la circolazione a quasi il 60% dei veicoli diesel nell’Ile-de-Paris nel tentativo di migliorare la qualità dell’aria schizzata oltre i limiti raccomandati dall’OMS.

 

A partire dal 1° luglio 2019, le auto diesel immatricolate tra il 2001 e il 2005 e i camion diesel immatricolati tra il 2006 e il 2009 sono definitivamente banditi dal cosiddetto anello A86, un’area che comprende Parigi e altre 47 piccole città dei dintorni. Il divieto dovrebbe colpire circa 30 mila mezzi su un parco auto di 5,5 milioni. I trasgressori potranno incorrere in sanzioni tra i 68 euro (per le auto) e i 135 euro (per van e camion): le multe, tuttavia, saranno immediatamente operative solo nella capitale, mentre per le cittadine vicine è previsto un periodo di tolleranza di 2 anni.

 

La misura è parte di un più ampio piano dell’amministrazione parigina per rendere completamente libera da veicoli inquinanti l’area dell’Ile-de-Paris entro il 2030, quando potranno percorrere le strade della zona solo vetture elettriche o alimentate a idrogeno.

Da luglio 2017 è vietata la circolazione di auto e camion diesel immatricolati tra il 1997 e il 2000, mentre entro il 2024, quando Parigi ospiterà i giochi olimpici, il bando dovrebbe estendersi a tutti i veicoli diesel.

 

Negli scorsi giorni, l’ondata di calore che ha portato a temperature record superiori ai 45°C in Francia, ha costretto le autorità parigine ad anticipare il bando e renderlo momentaneamente ancora più stringente: oltre a Parigi, i divieti sono stati estesi ad altre 79 città del circondario e avrebbero portato al blocco di quasi il 60% del parco macchine, secondo i calcoli dell’agenzia AAA Data.

 

>>Leggi anche Carburanti auto: un nuovo studio smonta i vantaggi dei veicoli diesel<<

 

Diverse associazioni hanno denunciato lo scarso impatto delle multe imposte dalla municipalità parigina, i cui bassi importi avrebbero portato molte persone a ignorare i divieti.

Critica anche la lobbie dei produttori di veicoli: “C’è una sorta d’isteria riguardo l’inquinamento atmosferico– ha commentato il portavoce della Federazione dei produttori di veicoli francesi (FFAC), Julian Costantini – Ma i valori sono appena sopra i limiti”.

 

Una delle agenzia di monitoraggio della qualità dell’aria a Parigi, la Ming Agency Airparif, ha registrato preoccupanti livelli di PM10 e PM2,5 in città negli ultimi giorni, con la concentrazione di ozono, in particolare, ben al di là dei limiti imposti dall’OMS (180mcg/m3 contro i 100mcg/m3 raccomandati dall’Organizzazione mondiale della Sanità).

 

Secondo l’Agenzia per la salute pubblica francese, l’inquinamento atmosferico causa almeno 48 mila morti premature ogni anno sul suolo transalpino: un numero secondo solo ai decessi prematuri causati dal fumo e ben più alto di quelli correlati all’abuso di alcool.

 

>> Leggi anche Francia: approvata la Legge che fissa l’obiettivo zero emissioni per il 2050 <<

Articolo precedenteDL crescita: ok ai Certificati Bianchi per biomasse
Articolo successivoUn nuovo progetto solare ruberà il record al gigante Noor Abu Dhabi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!