Il nostro debito ecologico anticipa, oggi è l’Earth Overshoot Day 2022

Secondo i calcoli del Global Footprint Network anticipa al 28 luglio il giorno simbolo dell’ipersfruttamento delle risorse naturali da parte dell’umanità. Manrique: “L’attuale modello economico, basato su produzione e consumo, non è compatibile con l’intenzione di continuare ad abitare questo pianeta”

Earth Overshoot Day 2022
via depositphotos.com

Perché celebriamo l’Earth Overshoot Day 2022

(Rinnovabili.it) – Abbiamo divorato tutte le nuove risorse naturali generate dal pianeta in appena 209 giorni. Uno in meno del 2021. A ricordarlo è oggi l’Earth Overshoot Day 2022, la giornata simbolo del sovrasfruttamento della Terra. La data è calcolata annualmente dal Global Footprint Network a partire dai dati ufficiali, forniti dalle Nazioni Unite, su impronta ecologica e biocapacità dei vari Paesi. Ossia sulle attuali richieste di aree biologicamente produttive – per cibo, legname, acqua potabile, produzione energetica, spazio per infrastrutture ecc. – e la capacità delle stesse rigenerare le risorse

A valle di questi calcoli l’Earth Overshoot Day segna il giorno in cui l’umanità ha esaurito quello che la Terra è in grado di rinnovare nell’anno in corso.

Un debito ecologico insanabile

Si tratta di un fattore monitorato fin dagli anni ’70 – allora era chiamato Giorno del debito ecologico – e in tutto questo tempo ha mostrato un trend di peggioramento quasi costante. Nel 1987 la giornata cadeva il 19 dicembre. Nel 2000 si è arrivati al 1° novembre, lo scorso anno al 29 luglio.

Oggi l’Earth Overshoot Day 2022 brucia un ulteriore giorno rispetto al 2021, anticipando al 28 luglio. Gli effetti di questa spirale negativa sono ben visibili. Basta guardare all’enorme calo della biodiversità registrato in questi anni, alla crescita dei gas serra nell’atmosfera e all’aumentata competizione per cibo ed energia. Fattori che stanno divenendo sempre più critici con l’incremento delle ondate di calore, degli incendi boschivi, della siccità e delle inondazioni.

“La Giornata del Sovrasfruttamento della Terra dimostra che l’attuale sistema di produzione e consumo non è compatibile con l’intenzione di continuare ad abitare questo pianeta”, ha spiegato il ministro dell’ambiente dell’Ecuador, Gustavo Manrique, in occasione dell’evento commemorativo. “Per proteggere al meglio le nostre risorse naturali e gestirne la nostra domanda, è necessario intraprendere azioni concrete congiunte finalizzate a un nuovo modello di sviluppo basato sulla sostenibilità e la rigenerazione. Dall’Ecuador chiediamo al mondo di impegnarsi per questa causa”. 

Per l’Earth Overshoot Day 2022, l’impronta ecologica totale è aumentata dell’1,2% rispetto all’anno precedente, mentre la biocapacità totale è aumentata dello 0,4% nello stesso arco di tempo. In altre parole per rigenerare tutto quello che l’umanità consumerà quest’anno ci vorrebbe la biocapacità di 1,75 Terre.

Articolo precedentePiano gas dell’Italia, Cingolani: “Inverno sicuro, niente razionamenti”
Articolo successivoFotovoltaico su tetto, in Italia è possibile installare fino a 92 GW

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui