Fotovoltaico su tetto, in Italia è possibile installare fino a 92 GW

Lo rivela ISPRA affrontando il tema del consumo del suolo da parte degli impianti solari

Fotovoltaico su tetto
via depositphotos.com

Gli impianti fotovoltaici a terra occupano oggi 17.560 ettari 

(Rinnovabili.it) – Il fotovoltaico su tetto non rappresenta solo un’arma per l’autoconsumo. Il segmento potrebbe anche dare una generosa mano agli obiettivi rinnovabili 2030 dell’Italia, fornendo oltre 90 GW di nuova potenza verde. La stima appartiene al nuovo report ISPRA sul consumo del suolo che dedica un capitolo intero all’impatto degli impianti solari. Nel complesso il documento fornisce un quadro aggiornato dei processi di trasformazione della copertura del suolo, valutando il degrado del territorio e l’impatto sul paesaggio e sui servizi ecosistemici.

Temi che interessano anche il fotovoltaico a terra soprattutto in vista della futura crescita richiesta dalla decarbonizzazione. I dati del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), elaborati a partire da immagini telerilevate delle installazioni solari a terra, riportano a livello nazionale una copertura di 17.560 ettari. Parliamo di circa 9 GW di potenza cumulata sugli oltre 21 GW totali che conta attualmente il parco fotovoltaico italiano. 

Scendendo di scala, la situazione appare abbastanza eterogenea. La Puglia prima regione in Italia per poteva fotovoltaica installata, rappresenta anche quella con la maggior superficie occupata, paria a 6.123 ettari. Segue l’Emilia Romagna con 1.872 ettari e il Lazio con i suoi 1.483 ettari coperti da pannelli solari. In fondo alla classifica appaiono invece il Trentino Alto Adige (13 ha), la Valle d’Aosta (1,2 ha) e la Liguria (0,2 ha).

Le potenzialità non sfruttate del fotovoltaico su tetto

Il dato sull’occupazione del suolo diventa interessante soprattutto se si guarda ai futuri trend. Secondo l’attuale PNIEC, per raggiungere neutralità climatica l’Italia dovrà portare la capacità fotovoltaica installata oltre i 52 GW entro il 2020. Aggiungendo quindi oltre 40 GW di impianti per una copertura di circa 50.000 ettari.

leggi anche Tetti verdi fotovoltaici, un connubio vincente per il solare domestico

Ed è proprio qui che entra in gioco il fotovoltaico sul tetto. “Sfruttando gli edifici e i fabbricati già esistenti, sarebbe possibile ridurre il consumo della risorsa suolo”, scrive l’ISPRA. “È stata stimata, infatti, una superficie potenzialmente disponibile per l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti compresa tra 75.000 e 99.000 ettari, sufficiente ad ospitare nuovi impianti fotovoltaici per una potenza complessiva compresa tra 70 e 92 GW. Un quantitativo più che sufficiente a coprire l’intero aumento di energia rinnovabile previsto dal Piano per la Transizione Ecologica al 2030

Articolo precedenteIl nostro debito ecologico anticipa, oggi è l’Earth Overshoot Day 2022
Articolo successivoNuovi impianti rinnovabili in Italia: 9GW di richieste ma mancano i materiali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui