Un innovation deal europeo per chiudere il cerchio delle batterie

Firmata la nuova intesa europea tra partner industriali e autorità nazionali per affrontare il problema del riciclo nel campo dell’elettromobilità

batterie

 

 

Gli innovatori europei fanno squadro sul riciclo delle batterie auto

(Rinnovabili.it) – Un Innovation Deal per indagare la normativa di settore e capire come far entrare la mobilità elettrica nel circuito virtuoso dell’economia circolare. Questo l’obiettivo che si sono dati la Commissioni europea e otto partner, tra realtà industriali e autorità nazionali, nell’ambito della nuova alleanza sulle batterie. Dopo aver iniziato a studiare come accelerare la ricerca e la produzione all’interno dei confini comunitari dei nuovi sistemi d’accumulo, nell’ordine del giorno compare anche la questione dello smaltimento e del riciclo.

Si tratta di un elemento fondamentale e non solo perché il settore dell’energy storage si avvale di materie prime rare e costose (leggi anche Riciclaggio dei metalli: le vecchie auto sono miniere preziose).

 

Attualmente le tecnologie di riciclo o di recupero impiegate per le batterie ricaricabili di nuova generazione sono ancora in fase embrionale. E parte del problema è di ordine legislativo. Per questo motivo il nuovo accordo sull’innovazione punta diritto agli ostacoli normativi, esistenti sia a livello europeo che nazionale, in grado di frenare oggi la seconda vita delle batterie delle auto elettriche.

 

>>Leggi anche Bruxelles lancia l’Alleanza europea delle batterie<<

 

L’Innovation Deal è stato firmato ieri a Bruxelles da partner francesi (Renault, Bouygues e i Ministeri per la transizione ecologica e l’Economia) e olandesi(LomboXnet, Ministeri delle infrastrutture e gestione delle risorse idriche, Affari economici e Politica climatica e la Provincia di Utrecht). Spiega Carlos Moedas, commissario europeo per la ricerca “La rivoluzione dei veicoli elettrici è una testimonianza di come l’innovazione generi crescita e cambi radicalmente la società in meglio. Affinché l’Europa rimanga al comando di questa corsa, dobbiamo collaborare con gli innovatori e le autorità per assicurarci che le nostre leggi non ostacolino l’innovazione”.

 

Lo strumento dell’Innovation Deal – già impiegato in passato dall’esecutivo europeo – servirà a studiare se nell’attuale diritto comunitario e negli atti di recepimento a livello nazionale e regionale, ci siano elementi in grado di frenare od ostacolare il riciclo delle batterie della auto elettriche o il riutilizzo ad esempio ai fini dello storage domestico. L’obiettivo è elaborare strategie per superare eventuali barriere e rendere questi dispositivi più efficienti dal punto di vista ambientale e industriale.

Articolo precedenteLa grande coalizione tedesca parte male sul clima
Articolo successivoSchwarzenegger fa causa ai big del petrolio per omicidio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui