Demand Response: cogliere le opportunità del nuovo regolamento UVAM

Nuovo webinar gratuito Enel X dedicato alle opportunità per le imprese rispetto le recenti modifiche approvate da ARERA al progetto pilota per la partecipazione di unità virtuali miste al mercato per il servizio di dispacciamento

Demand Response

3 giugno 2021 un nuovo webinar gratuito dedicato al Demand Response

(Rinnovabili.it) – L’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) ha aperto il mercato dei servizi di dispacciamento (MSD) ai consumatori commerciali e industriali attraverso il Demand Response. Di cosa si tratta? Di un innovativo servizio basato sull’uso di risorse come le rinnovabili, l’energy storage, il consumo e la generazione distribuita, per aiutare il bilanciamento delle rete. E nel contempo offrire un ritorno economico alle imprese che vi partecipano. I programmi di Demand Response offrono, infatti, alle aziende un compenso in cambio della loro flessibilità,  ossia la disponibilità a modulare i propri consumi o aumentare la propria produzione per un breve lasso di tempo su richiesta degli aggregatori della domanda. 

Si tratta di un contesto nuovo e in continua evoluzione. Gli ultimi cambiamenti apportati sono quelli proposti da Terna a seguito della consultazione con gli operatori e approvati dall’ARERA con una delibera ad hoc all’inizio del 2021. L’atto concede il via libera alle modifiche destinate progetto pilota per la partecipazione delle unità virtuali miste (UVAM) all’MSD.

Stabilisce che sia opportuno prevedere che “l’approvvigionamento a termine di risorse per il dispacciamento per il tramite di UVAM prosegua negli anni 2021 e 2022, comunque non oltre la data da cui troveranno applicazione le innovazioni della regolazione del dispacciamento”. E che sia necessario prevedere nel nuovo regolamento MSD UVAM, “che le offerte selezionate al di fuori dall’ordine di merito economico tramite i test di affidabilità siano remunerate ai BSP (Balance Service Provider) sulla base del prezzo offerto, in quanto anche durante tali test vengono effettivamente messe a disposizione risorse per il dispacciamento […] ferma restando l’applicazione dei corrispettivi previsti dal medesimo regolamento nel caso di mancato rispetto delle quantità accettate”.

Per analizzare le modifiche introdotte e le opportunità legate a tali novità, Enel X ha organizzato per il 3 giugno, ore 16.30, un nuovo webinar. Un momento di approfondimento dedicato alla comprensione di quali prospettive premieranno il “nuovo” utente della Rete elettrica nazionale.

La partecipazione all’evento è gratuita ma richiede l’iscrizione al seguente indirizzo https://www.rinnovabili.it/demand-response-regolamento-uvam/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui