LED in perovskite: da oggi, più efficienti e stabili

Le perovskiti sono una grande famiglia di materiali semiconduttori che, grazie alla loro speciale struttura a cristallo, garantiscono eccellenti proprietà ottiche ed elettroniche.

LED in perovskite
Credits: vvoennyy da 123rf.com

Una ricerca mostra la possibilità di produrre LED in perovskite garantendo convenienza ed efficienza

(Rinnovabili.it) – I ricercatori dell’Università di Linköping hanno sviluppato un LED (Light Emitting Diode) in perovskite che garantisce alta efficienza e lunga stabilità operativa. Lo studio, pubblicato su Nature Communications, rappresenta un enorme passo avanti nel miglioramento della tecnologia dei LED in perovskite, fino ad oggi non ancora sufficientemente stabili per un uso pratico e quotidiano.

Le perovskiti sono una grande famiglia di materiali semiconduttori che hanno suscitato l’interesse degli scienziati di tutto il mondo per la loro speciale struttura cristallina. Essa, infatti, garantisce eccellenti proprietà ottiche ed elettroniche, combinate alla convenienza economica del materiale e alla sua facilità di produzione. Finora, le perovskiti sono state principalmente impiegate nelle celle solari, ma possono anche essere adatte per la produzione di LED.

Leggi anche Celle solari in perovskiti inorganiche: stabili e da oggi più efficienti

Tuttavia, “la maggior parte dei LED in perovskite ha una bassa efficienza o una scarsa stabilità del dispositivo”, afferma Xiao-Ke LiU, ricercatore presso l’Università di Linköping. Molti gruppi di ricerca, infatti, hanno lavorato su questo problema ma senza particolari successi. I ricercatori della LiU, però, sembrano aver trovato una via d’uscita usando una perovskite in piombo, iodio e formamidinio, una sostanza organica che aiuta le prime due a formare una struttura cristallina di alta qualità e stabile. Attraverso l’aggiunta di questa sostanza, dunque, il gruppo di ricerca è stato in grado di sviluppare LED in perovskite con un’efficienza del 17,3% per circa 100 ore.

I prossimi passi saranno quelli di testare nuove combinazioni di diverse perovskiti e molecole organiche, per capire in dettaglio come avvengano i processi di nucleazione e cristallizzazione. Diverse perovskiti, infatti, forniscono luce a diverse lunghezze d’onda, il che è un requisito per l’obiettivo a lungo termine di ottenere LED a luce bianca.

Leggi anche Basta terre rare, i prossimi Led saranno a base batterica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui