L’eolico galleggiante piramidale inizia la dimostrazione in scala

Iniziati i test al largo di New Bedford, Massachusetts, dell’innovativa turbina eolica piramidale in scala 1/16

eolico galleggiante piramidale
Credits: T-Omega Wind

Un nuovo design per l’eolico offshore

(Rinnovabili.it) – Non possiede una tradizionale torre bensì quattro supporti diagonali che si uniscono al vertice. È lo speciale eolico galleggiante piramidale di T-Omega Wind, startup statunitense lanciata nel 2020 dagli ingegneri Andrew Myers e Jim Papadopoulos. L’azienda ha progettato e realizzato una innovativa turbina eolica flottante che promette di abbassare i costi dell’energia semplificando e velocizzando le operazioni di installazione e manutenzione.

Supportata economicamente dalla National Science Foundation e dal Massachusetts Clean Energy Center, l’invenzione è già stata testata in condizioni di laboratorio: una piccola turbina su scala 1/60 ha dato prova delle sue qualità in una grande vasca con onde artificiali alte fino a 12 metri. E dalla scorsa settimana un prototipo su scala 1/16 è stato lanciato con successo al largo di New Bedford, Massachusetts, dove rimarrà per un periodo di tempo imprecisato.

leggi anche Eolico galleggiante ed acquacoltura, il matrimonio cinese

L’eolico galleggiante piramidale

Cosa ha di speciale l’eolico galleggiante piramidale T-Omega Wind? Innanzitutto la forma. Sebbene sia dotata di una turbina ad asse orizzontale a tre pale, la tradizionale navicella è sostituita da un’asse sostenuta ad entrambe le estremità. La torre centrale è invece sostituita da quattro pali diagonali che poggiano in basso sulla piattaforma galleggiante.

A seconda della direzione del vento, l’intera struttura della piattaforma ruota in una curva attorno a un’ancora centrale, come una lancetta di un orologio. “Il sistema TOW [T-Omega Wind] galleggia in acque poco o molto profonde, cavalca le onde invece di resistervi, con un rotore tenuto saldamente su entrambi i lati mentre si allinea al vento”, spiega la società.

I vantaggi? Secondo gli sviluppatori l’unità presenterebbe costi iniziali notevolmente ridotti, grazie ad un minor impiego di materiali, da una produzione e implementazione estremamente semplici e alla facilità di installazione e manutenzione. Una turbina eolica piramidale a grandezza commerciale dovrebbe offrire una potenza di 10 MW, vantando un rotore da 198 m e un’altezza di 119 per un peso complessivo tra le 1.200 e le 1.800 tonnellate.

Leggi anche Da TouchWind la turbina eolica galleggiante a singola pala 

Articolo precedenteUn solvente innocuo permette di riciclare tessuti misti
Articolo successivoRegistro Tecnologie per il Fotovoltaico, i moduli di qualità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!