Registro Tecnologie per il Fotovoltaico, i moduli di qualità

L’articolo 12 del decreto legge 9 dicembre 2023, n. 181  definisce tre distinte sezioni per classificare i pannelli solari in base a requisiti di carattere quantitativo e territoriale

Registro Tecnologie per il Fotovoltaico
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Potranno essere inseriti nel Registro solo pannelli solari prodotti nell’UE

(Rinnovabili.it) – Una norma predisposta al fine di facilitare lo sviluppo di una filiera nazionale nella tecnologia green. Con queste parole il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) aveva presentato il Registro Tecnologie per il Fotovoltaico, nuovo strumento voluto dallo stesso dicastero per supportare la filiera fotovoltaica nazionale. La misura è contenuta nel nuovo DL Energia (decreto legge 9 dicembre 2023, n. 181) pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale ed entrato oggi ufficialmente in vigore. L’articolo 12 del provvedimento incarica l’ENEA, l’Agenzia nazionale per le  nuove  tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, di creare e gestire tale Registro. Pubblicando sul proprio sito web, entro trenta giorni da oggi, le modalità di iscrizione.

Ma a cosa serve il Registro Tecnologie per il Fotovoltaico? E quali prodotti potranno essere inseriti? “La realizzazione – spiega il MIMIT – è volta ad indirizzare gli investimenti delle imprese sulla tecnologia più performante, considerato che il fotovoltaico è al centro della transizione energetica e rappresenta la fonte di energia rinnovabile con più rapida crescita anche in Italia”.

Il Registro Tecnologie per il Fotovoltaico

A regime lo strumento registrerà una serie di prodotti realizzati all’interno dei confini UE e suddivisi in tre distinte sezioni:

  • moduli fotovoltaici con un’efficienza a livello di modulo almeno pari al 21,5%; 
  • moduli fotovoltaici con celle solare dotate di almeno un 23,5% di efficienza; 
  • moduli prodotti composti da celle bifacciali ad eterogiunzione di  silicio o tandem prodotte nell’Unione europea con un’efficienza di cella  almeno pari al 24,0%.

I pannelli solari saranno inseriti nel registro su richiesta del  produttore o del distributore interessato, seguendo le regole pubblicate a breve dall’ENEA. L’agenzia pubblicherà sul proprio sito l’elenco dei prodotti, nonché delle aziende che hanno ottenuto l’inserimento nel registro.

Leggi anche DL energia, il CdM approva nuove misure per le rinnovabili

Articolo precedenteL’eolico galleggiante piramidale inizia la dimostrazione in scala
Articolo successivo“La responsabilità del cambiamento per il benessere delle persone”: il convegno GBC Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!