Il sogno danese: un’isola eolica da 10 GW che produce idrogeno

Avanzano i piani danesi per realizzare hub offshore, del valore di 30 miliardi di dollari, in grado di fornire energia pulita a 10 milioni di famiglie

isola eolica
By http://www.cgpgrey.com, CC BY 2.0, Link

 

Il governo progetta la realizzazione nel mare del Nord di una gigantesca isola eolica

(Rinnovabili.it) – Creare un’isola eolica artificiale con cui assicurarsi un posto di primo piano nello sviluppo delle potenzialità energetiche del Mare del Nord. Questo il Piano che sta portando avanti la Danimarca, finalizzato a realizzare un nuovo e gigantesco hub offshore da 10 GW di capacità: un valore cinque volte superiore all’attuale produzione eolica statale.

La nazione deve oggi al vento ben il 40 per cento della sua produzione elettrica, il livello più alto mai raggiunto in Europa. Ma per il governo danese si tratta solo di un punto di partenza da cui prendere lo slancio per il suo nuovo piano climatico. Copenaghen ha infatti approvato il mese scorso una legge che impone la riduzione del 70 per cento delle emissioni nazionali di gas serra entro il 2030. Un’ambizione ambientale che nessun altro paese ha finora eguagliato.

 

>>Leggi anche La Danimarca chiede una legge UE per mettere al bando auto diesel e benzina<<

 

Uno degli strumenti ad hoc per centrare il target sarà ovviamente l’eolico offshore. Nei piani futuri spicca il progetto dell’isola eolica che, con la sua taglia multi-gigawatt, dovrebbe essere in grado di alimentare 10 milioni di famiglie. Considerando che la piccola Danimarca possiede una popolazione di 6 milioni di abitanti è facile immaginare come, a regime, l’elettricità prodotta sarà venduta agli altri Paesi europei.

L’opera sarà finanziata principalmente dal settore privato e dovrebbe richiedere un investimento totale di 200 miliardi-300 miliardi di corone danesi, ossia tra i 27 e i 40 miliardi di euro.

La localizzazione è ancora da definire. Il ministero dell’energia sta cercando il sito più adatto dove realizzare una o più isole artificiali e valutando il destino della produzione futura. E parte dell’elettricità generata in mare potrebbe essere immagazzinata o convertita in idrogeno rinnovabile, ha spiegato il ministro all’energia, Dan Jørgensen. “Se vogliamo realizzare l’enorme potenziale dell’eolico offshore, dovranno essere sviluppate nuove tecnologie per convertire l’energia verde in combustibile per aerei, navi e industria”, ha aggiunto Jørgensen.

 

In questo contesto il ministero ha stanziato 65 milioni di corone dal suo bilancio 2020 per la ricerca sull’immagazzinamento e la conversione dell’energia proveniente dal nuovo progetto. Altri 128 milioni di corone sono riservate a due iniziative di stoccaggio dell’H2 su larga scala: GreenLab Slice PtX e HySynergy, che saranno realizzate tra il 2020 e il 2025.

 

>>Leggi anche Nel Mar del Nord i primi pannelli solari marini galleggianti<<

1 commento

  1. la mia tesi di laurea in Scienze Forestali e Ambientali:
    IL SETTORE FOTRESTALE NEL CONTESTO CULTURALE E AMBIENTALE DEL XXI° SECOLO
    “ATTIVITA’ E SVILUPPO SOSTENIBILE PER IL FUTURODEL PIANETA E DELLE GIOVANI GENERAZIONI”,
    DIVULGAZIONE TECNICO CONOSCITIVE SPERIMENTALI SUL POSSIBILE IMPIEGO DI ATTREZZATURE FORESTALI A TECNOLOGIA EVOLUTA CON MOTORE ELETTRICO ALIMENTATO A BATTERIA AL LITIO-/ H DA ENERGIA RINNOVABILE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui