Celle solari: Nuovo record d’efficienza per il fotovoltaico bifacciale

L’azienda cinese Trina Solar annuncia d’aver raggiunto una resa del 23,22 per cento con la sua cella i-TOPCon. Il risultato è stato confermato dall’ISFH CalTeC tedesco

fotovoltaico bifacciale
Credit: Trina Solar

Dal PERC al TOPCon, i progressi del fotovoltaico bifacciale

(Rinnovabili.it) – Il fotovoltaico bifacciale aumenta ancora le sue prestazioni e ancora una volta il miglioramento è “made in China”. A registrare il nuovo primato mondiale è, infatti, l’azienda Trina Solar che ha annunciato ieri di aver raggiunto un’efficienza del 23,22 per cento su celle a grande area, ossia con una superficie di 247,79 cm2. Il valore, confermato in maniera indipendente dell’istituto tedesco ISFH CalTeC, fa riferimento ad una specifica sottocategoria del fotovoltaico: la TOPCon (Tunnel Oxide Passivated Contact).

Questa tecnologia, alternativa alla PERC, sfrutta l’uso di contatti selettivi per i portatori di carica (elettroni e lacune) e richiede la deposizione di uno strato sottile di ossido tra i contatti metallici e il wafer di silicio, per migliorare la passivazione di quest’ultimo diminuire le perdite da ricombinazione.

Originariamente sviluppata dal Fraunhofer ISE per celle monofacciali a piccola area – raggiungendo un’efficienza di conversione del 25,8 per cento – la TOPCon è approdata velocemente nei laboratori di istituti e produttori di tutto il mondo. Nel 2015 lo State Key Laboratory of Photovoltaic Science and Technology (SKL PVST) di Trina Solar ha applicato la tecnologia  ad una cella di fotovoltaico bifacciale su vasta area finalizzata alla produzione industriale di massa (i-TOPCon -Industrial Tunnel Oxide Passivated Contact). E il 2019 è stato l’anno in cui Trina Solar ha raggiunto (e oggi superato) un valore d’efficienza del 23 per cento nella parte frontale delle celle.

>>leggi anche Pannelli fotovoltaici bifacciali, il mondo verso i 21 GW<<

 

La nuova unità i-TOPCon, in silicio monocristallino di tipo n, ha un emettitore di boro anteriore e un contatto passivante su tutta l’area posteriore. Ma l’elemento che la contraddistingue, a parte l’efficienza record, un processo industriale a basso costo. “Siamo molto lieti di annunciare gli ultimi risultati del nostro team di ricerca tecnologica presso SKL PVST. Per quanto ne sappiamo, questo è il nuovo record mondiale per l’efficienza di un’area totale per una cella solare in silicio mono-fuso su vasta area”, ha affermato il dott. Zhiqiang Feng, direttore del State Key Laboratory (SKL) di PV Science and Technology di Trina Solar. “Gli eccellenti risultati di ricerca e sviluppo gettano solide basi per Trina per fornire ai nostri clienti nuovi moduli fotovoltaici di fascia alta differenziati e soluzioni”.

 

>>leggi anche Moduli fotovoltaici bifacciali in HJT, parte la nuova produzione siciliana<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui