Moduli fotovoltaici bifacciali in HJT, parte la nuova produzione siciliana

Nel polo produttivo 3SUN, Enel Green Power inaugura la nuova linea di pannelli solari basati sull’innovativa tecnologia bifacciale ad eterogiunzione di silicio amorfo e cristallino

Moduli fotovoltaici bifacciali
Credit: Enel Green Power

In moduli fotovoltaici bifacciali in HJT vantano un’efficienza superiore al 20,5% e una durata di vita di oltre 35 anni

(Rinnovabili.it) – Si è concluso il progetto di riconversione tecnologica della fabbrica 3SUN, a Catania. L’impianto, di proprietà della Enel Green Power, ha attivato lo scorso venerdì una nuova linea di produzione di moduli fotovoltaici bifacciali in HJT (Hetero Junction Technology), grazie alla quale riuscirà a sfornare 200 MW di pannelli l’anno.

Si tratta di un traguardo importante sotto diversi aspetti. La fabbrica è la prima, e per ora anche l’unica al mondo, a produrre questa tecnologia fotovoltaica ad etero-giunzione di silicio amorfo e cristallino su scala industriale; un elemento che acquisisce ancora più importanza se considera come il mercato solare sia oggi in mano quasi esclusivamente in mano ad aziende asiatiche (Cina in primis) o nord americane.

 

Il valore moduli fotovoltaici bifacciali in HJT sta tutto “nei numeri”: possiedono un’efficenza di conversione della luce in elettricità superiore al 20,5 per cento e ogni unità vanta una potenza nominale di 400W. Non solo: la doppia faccia permette di catturare la luce anche sul lato posteriore, ottenendo così  una maggiore produzione di energia elettrica, quantificata in circa il 30 per cento in più rispetto ai pannelli tradizionali mono-faccialiDi conseguenza offre la possibilità di installare un numero minore di moduli, riducendo la superficie di utilizzo. Senza contare che l’HJT possiede una robustezza tale da consentire una durata superiore a 35 anni.

 

>>Leggi anche 3SUN 2.0: a Catania inizia la produzione di fotovoltaico bifacciale<<

 

“L’avvio di questa nuova linea di produzione costituisce un traguardo significativo e fortemente voluto da Enel Green Power – spiega Antonio Cammisecra, CEO di Enel Green Power  abbiamo creduto e investito in questo progetto altamente innovativo facendo risaltare un’eccellenza industriale italiana nel panorama globale, soprattutto in un settore competitivo come quello dell’energia solare”.

 

Il sito produttivo è frutto di un importante progetto di riconversione industriale, lanciato nel 2017. Originariamente, infatti, la fabbrica  – nata nel 2011 da una Joint Venture tra Enel Green Power, STMicroelectronics e Sharp – era dedicata esclusivamente a moduli in silicio a film sottile. Negli ultimi anni EGP ha acquistato le quote delle altre due società, dando via ad profondo rinnovamento. Oggi l’impianto punta tutto sull’innovazione e, a regime, opererà a ciclo continuo, 24 ore al giorno 365 giorni l’anno, per mettere sul mercato circa 500 mila moduli bifacciali l’anno. “Siamo i primi nel mondo a produrre su scala industriale pannelli fotovoltaici basati sull’innovativa tecnologia bifacciale ad eterogiunzione HJT” – ha commentato Antonello Irace, responsabile 3SUN – “Ci auguriamo di fare da volano a tutta l’industria del settore e, promuovendo l’innovazione della tecnologia fotovoltaica, vogliamo trasformare l’energia solare in una soluzione pragmatica di energia pulita ovunque splenda il sole”.

 

>>leggi anche Pannelli fotovoltaici bifacciali, il mondo verso i 21 GW<<

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui