Pannelli solari e innovazione italiana al CES di Las Vegas

Dal pannello solare pieghevole ecco le innovazioni di Levante e Sunspeker,  due delle 50 startup che compongono la delegazione italiana al CES 2024

Pannelli solari e innovazione italiana
Il modulo fotovoltaico pieghevole di Levante (immagine fornita da blumvision)

 Due soluzioni Made in Italy per i pannelli solari

(Rinnovabili.it) –  È ufficialmente partito il conto alla rovescia per il CES di Las Vegas, il più grande appuntamento tecnologico al mondo, in programma dal 9 al 12 gennaio 2024. E l’innovazione italiana non si fa trovare impreparata. Sotto la guida dell’agenzia ICE, il Belpaese sarà presente all’evento con una delegazione di 50 startup provenienti da 13 regioni, Lombardia in primis. Un nutrito gruppo di imprese che porteranno sotto i riflettori del CES 2024 le proprie soluzioni innovative, “confrontandosi” con oltre 3500 espositori. Della squadra selezionata fanno parte anche due startup che lavorano con i pannelli solari. Parliamo di Levante e Sunspeker, giovani aziende con sede rispettivamente a Milano e Torino.

leggi anche Pannelli fotovoltaici e neve, K2 Buddy garantisce la massima sicurezza

Origami, il pannello fotovoltaico pieghevole

Levante ha creato Origami, il modulo fotovoltaico pieghevole con celle in silicio cristallino, progettato per la vita all’aperto. Il prodotto, disponibile nella taglia da 330 W o da 500 W, è in realtà composto da diversi sezioni di pannelli (due o tre a seconda della taglia scelta) incernierati tra loro per facilitare la chiusura su se stesso. Le sezioni possono essere collegate in serie o in parallelo, offrendo uscite diverse a seconda delle esigenze finali. Creato con fibra di carbonio riciclata, Origami vanta un 20% di leggerezza in più rispetto a moduli fotovoltaici pieghevoli oggi sul mercato e una compattezza fino al 40% maggiore. Chiuso non supera 119 x 40 centimetri, ma una volta aperto arriva a 180 x 165 centimetri (pannello da 3300 W). 270 x 165 centimetri nel caso del modello da 500 W. La versione più potente, spiega il sito di Levante, può permettere di caricare lo smartphone oltre 133 volte o alimentare un piccolo frigo fino a 21 ore.

Un adesivo per camuffare l’impianto fv

Sunspeker crea rivestimenti estetici per pannelli solari, in grado di preservare l’efficienza tutelando il patrimonio artistico, storico e paesaggistico, e rendendo possibile l’applicazione di affissioni pubblicitarie. Nel dettaglio, la startup ha brevettato una tecnologia, soprannominata “See Beyond” che consente di creare un adesivo permeabile alla luce da applicare sopra i moduli. L’adesivo, completamente personalizzabile, mantiene l’efficienza di conversione della luce in elettricità ad oltre l’80% del valore originale, offrendo allo stesso tempo una maggiore protezione dagli agenti atmosferici.

pannelli solari
I pannelli solari rivesti dall’adesivo estetico permeabile alla luce di Sunspeker (immagine fornita da blumvision)

CES 2024: il padiglione Italia

Il padiglione dedicato alle 50 imprese italiane coprirà un’area di 600 mq nel cuore dell’Eureka Park, dove sono presenti tutte le startup che espongono al CES. A livello istituzionale, la missione è supportata dalla Regione Sardegna. Partner storico dell’iniziativa italiana a Las Vegas è l’ente nazionale di ricerca Area Science Park, che anche quest’anno ha organizzato l’academy dedicata alle startup: un percorso di formazione per insegnar loro come trarre il massimo, in termini di opportunità di business e visibilità, dall’esperienza al CES.

Oltre agli stand delle startup, il padiglione è costruito intorno a un’arena che nel corso dei quattro giorni di expo sarà animata da panel tematici in cui interverranno alcuni dei principali stakeholder del mondo dell’innovazione italiana, oltre a numerosi partner commerciali statunitensi ed europei. Tutte le startup avranno inoltre la possibilità di raccontarsi alla platea di visitatori dell’Eureka Park, in sessioni dedicate.

Articolo precedentePiano Adattamento ai Cambiamenti Climatici, approvato il PNACC
Articolo successivoCessione del Credito a Poste, il 2024 porta nuove, ma non sono buone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!