Una supergrid europea per tagliare di 1/3 i costi energetici

Una nuova analisi dell’UCD Energy Institute mostra che facilitare maggiori flussi di energia elettrica tra i paesi europei si tradurrebbe in un sistema energetico più conveniente

supergrid europea
Credits: University College Dublin

(Rinnovabili.it) – Realizzare una supergrid europea per la trasmissione elettrica potrebbe tagliare in maniera significativa le spese operative (OPEX) e quelle in conto capitale (CAPEX) del sistema energetico. Lo rivela un nuovo studio dell’UCD Energy Institute, in Irlanda, commissionato da SuperNode.

I ricercatori dell’istituto hanno analizzato i futuri flussi di energia per valutare se il sistema di trasmissione esistente oggi in Europa fosse idoneo a supportare le nuove esigenze o se fosse necessario ripensare alle reti in maniera simile a quanto è successo con gli impianti di generazione. Il risultato? “Il sistema di trasmissione esistente non è adatto al futuro energetico dell’Europa”, ha affermato il professor Andrew Keane, Direttore dell’UCD Energy Institute, che ha guidato lo studio.

leggi anche Stop reti elettriche, Emrod testa la trasmissione elettrica wireless

L’aumento della capacità di produzione rinnovabile e la crescita della domanda elettrica richiederanno inevitabilmente l’espansione degli attuali sistemi infrastrutturali. Senza investimenti accelerati nelle infrastrutture – si legge nel documento – il Vecchio Continente dovrà affrontare sfide legate alla riduzione del carico e della produzione assieme ad emissioni eccessivamente elevate.

Lo studio rappresenta un’estensione del lavoro svolto da SuperNode e basato sulla modellazione dello Scenario energetico per l’Europa 2050. Il lavoro è stato convalidato e ampliato dall’analisi dell’UCD, dimostrando il beneficio netto di ingenti investimenti nello sviluppo di nuovi asset di trasmissione al fine di garantire un utilizzo più efficiente delle risorse rinnovabili europee; ed evidenziando i colli di bottiglia che richiedono maggiori attenzioni, come ad esempio la necessità di aumentare i livelli di accumulo energetico.

leggi anche Terna: ogni mld investito in infrastrutture ne genera 2-3 in PIL

Ma lo studio mostra anche come si possano ottenere una riduzione dei costi associati allo sviluppo futuro. L’idea è di creare una super grid europea che connetta i paesi Ue con Regno Unito, Svizzera e Norvegia. Secondo gli analisti ciò permetterebbe una riduzione di circa un terzo dei costi energetici rispetto a un approccio ‘Business as Usual’. Il taglio individuato deriva principalmente dall’ottimizzazione dell’impiego della generazione rinnovabile esattamente dove serve. Diminuendo in tal modo anche la capacità installata totale.

Articolo precedenteMacron annuncia la rinascita del nucleare francese
Articolo successivoIl clima che cambia, uno sguardo sulle siccità in Nord Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui