Energia marina, le maree possono fornire 1/3 della domanda elettrica

Ma quasi il 90% del potenziale sfruttabile si trova nelle acque di soli 5 Paesi, tra cui Regno Unito e Francia

energia marina
Il progetto Tidal Lagoon Power della Gran Bretagna

 

Le potenzialità delle centrali a laguna nello sfruttamento dell’energia marina

(Rinnovabili.it) – Fino a un terzo del fabbisogno elettrico mondiale potrebbe essere soddisfatto grazie allo sfruttamento delle maree. Ma la strada per dar corpo a questo obiettivo è ancora tutta in salita. Il perché lo spiega un gruppo di esperti che ha valutato le potenzialità dell’energia marina e i progressi tecnologici compiuti in questo settore.

Nonostante la prima centrale elettrica mareomotrice sia stata realizzata nel 1966 – la bretone Rance, sull’estuario dell’omonimo fiume – ad oggi esistono nel mondo solo 5 impianti in funzione: oltre a quello francese, uno in Canada, uno in Russia, in Corea del Sud (il più grande al mondo per capacità installata) e uno in Cina. A queste strutture si aggiungono una serie di aree identificate come idonee per lo sfruttamento dell’energia marina, tra cui il Golfo del Mezen’ nel mar Bianco e il Golfo del Tugur nel mare di Ochotsk, per i quali il governo russo ha calcolato una potenza sfruttabile di, rispettivamente, 15 e 6,8 GW.

 

>>Leggi anche Energia da onde e maree: ecco i progressi europei<<

 

I ricercatori della School of Ocean Sciences, presso Bangor University (UK), hanno raccolto i piani attuali, le novità tecnologiche e le aree dotate di maggiore capacità per fornire una nuova e completa revisione delle risorse di energia marina a livello mondiale e le soluzioni ottimali per sfruttarle.

Gli esperti hanno calcolato che le centrali mareomotrici potrebbero generare teoricamente fino a 5792 TWh l’anno. Tuttavia il 90% della risorsa è distribuito in soli 5 paesi: Australia, Canada, Regno Unito, Francia e Stati Uniti (Alaska).

 

Il documento riflette anche sue come ottimizzare le cosiddette centrali a laguna che prevedono, per l’appunto, la costruzione lagune artificiali lungo le coste grazie a argini dove incorporare turbine idroelettriche bidirezionali. “Le centrali a laguna – spiega l’autore principale dell’analisi, il dottor Simon Neillstanno attirando l’attenzione nazionale e internazionale dopo la pubblicazione da parte del governo UK del documento “Hendry Review“, che ha valutato il caso economico di questi impianti e suggerito che il progetto “Pathfinder” a Swansea Bay possa essere solo l’inizio di un’industria globale”.

Tuttavia, la collega e co-autrice Sophie Ward mette in guardia “Anche se centrali a laguna saranno probabilmente meno invadenti delle dighe di marea (che tendono invece a coprire interi estuari), richiedono un’attenta progettazione e pianificazione per ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente locale […] è necessario monitorare attentamente le conseguenze ambientali dello sfruttamento dell’energia marina, essendo cauti nell’alterare gli habitat naturali con la costruzione di strutture e sbarramenti”.

 

 

2 Commenti

  1. In Italia non abbiamo altezze di marea di 7-14 m. ma solo 0,30-0,50 metri tra laguna e stretto per cui parlare di lunar energy significa aggravare i costi dell’energia.Invece esiste il pompaggio acqua e marino che ci consente di produrre 3.000 TWh investendo solo 45 miliardi e non importando piu’ fossili.

  2. In ITALIA possiamo produrre energia da Moto Ondoso a bassi costi . Vedi progetto Tutto ITALIANO certificato da WAVEC .Progetto di cui nessuno parla anche se conosciuto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui