Il record sporco del 2021: mai così tanta elettricità dal carbone

Nel rapporto Coal 2021, l’Iea registra un boom di elettricità da carbone – 10.350TWh – e una crescita della domanda del 6%. Nel 2022 quest’ultima può superare il picco del 2013-14

Investimenti nel carbone: all’estero, la Cina rallenta
Foto di mommyandlove da Pixabay

L’Iea: con questi volumi di carbone, a rischio gli obiettivi net-zero

(Rinnovabili.it) – Mentre alla COP26 i delegati si accapigliavano per scegliere se scrivere phase out o phase down del carbone nel Patto sul clima di Glasgow, questa fonte fossile continuava a viaggiare spedita verso nuovi primati. Nel 2021, il carbone avrà un rimbalzo senza precedenti: +9%. E ci sono tutte le premesse perché infranga il record assoluto il prossimo anno.

Lo scrive l’Agenzia internazionale dell’energia (Iea) nel rapporto Coal 2021, dove sottolinea come la curva del carbone metta a rischio tutti gli obiettivi di neutralità climatica fissati fino ad ora. I fattori che hanno disegnato questa traiettoria rialzista sono essenzialmente due. Da un lato la ripresa economica post-Covid. La domanda di elettricità è cresciuta molto rapidamente. Così tanto che le fonti low-carbon non hanno retto il passo. Dall’altro, il costo del gas in ascesa ha fatto diventare di nuovo competitivo il carbone.

Leggi anche L’UE presenta il nuovo mercato del gas decarbonizzato e idrogeno

Il risultato? La domanda di carbone quest’anno crescerà del 6% e l’elettricità prodotta da questa fonte del 9% (10.350TWh, record assoluto), stima l’agenzia guidata da Fatih Birol. In volumi assoluti, la domanda non è ancora oltre il picco del 2013-14. Ma l’Iea avverte che può essere solo questione di tempo. A seconda di come si comporterà il meteo e dell’andamento della ripresa economica nel 2022, già il prossimo anno potremmo vedere un nuovo primato assoluto di carbone. Ed è anche possibile che si resti a questi livelli in un plateau lungo altri due anni, cioè fino al 2024.

“Il carbone è la più grande fonte di emissioni globali di carbonio, e il livello storicamente alto della produzione di energia da carbone di quest’anno è un segno preoccupante di quanto il mondo sia fuori strada nei suoi sforzi per mettere le emissioni sulla strada per net-zero”, commenta Birol. “Senza azioni forti e immediate da parte dei governi per affrontare le emissioni del carbone – in un modo che sia equo, accessibile e sicuro per chi ne è colpito – avremo poche possibilità, se non nessuna, di limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C”.

Leggi anche Prezzi energia, Cingolani: in fase di valutazione nuove misure

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui