Fuel mix, il sistema elettrico italiano è sempre più verde

Il GSE ha pubblicato la composizione del mix iniziale nazionale utilizzato per la produzione dell’energia elettrica immessa in rete per gli anni 2019 e 2020

fuel mix sistema elettrico italiano

(Rinnovabili.it) – Il sistema elettrico italiano è sempre più verde. Nonostante la decarbonizzazione non proceda spedita come dovrebbe, il fuel mix – ossia l’insieme di fonti primarie utilizzate per la produzione elettrica –  mostra sensibili cambiamenti. A renderne costo è il GSE che annualmente aggiorna i dati sulla composizione, come richiesto dal Decreto ministeriale del 31 luglio 2009. La nuova pubblicazione arriva oggi e mostra mix energetico iniziale per l’elettricità immessa in rete nel 2019 (dati a consuntivo) per il 2020 (dati provvisori), a livello nazionale. 

Per il calcolo, il Gestore ha impiegato sia le informazioni trasmessegli sull’energia immessa nel sistema elettrico italiano e quelle relative agli impianti di produzione non soggetti agli obblighi di comunicazione (convenzionati Cip 6/92, in regime di scambio sul posto e fotovoltaici con potenza attiva nominale fino a 1 MW incentivati con il V Conto Energia). A ciò si aggiungono ovviamente i dati Eurostat per l’energia elettrica netta importata.

Leggi anche Come accelerare la transizione energetica in Italia?

Il risultato? Nel 2019, il fuel mix nazionale mostrava un 41,74% di rinnovabili tra le fonti primarie, seconde solo alla quota del gas naturale (43,20%). Nel 2020, complice la pandemia e il calo dei consumi, le rinnovabili hanno alzato il tiro raggiungendo un buon 45,04%.

A titolo di confronto il fuel mix del 2008, primo anno rendicontato, vedeva per le fer una quota di appena il 26,8%, un 47,8% per il gas e un 13,3% per il carbone.

Leggi anche Hub energetico Carbosulcis, 35MW di rinnovabili e 10MWh di accumulo

Il Gestore ha provveduto inoltre a determinare per l’anno 2019 (consuntivo) e per l’anno 2020 (pre-consuntivo) i seguenti mix:

  • il mix energetico “complementare” nazionale calcolato considerando anche l’ammontare complessivo di Garanzie di Origine (GO) annullate e esportate, in notevole aumento per l’anno 2020 rispetto al 2019. Si segnala, inoltre, che nell’ambito dell’Association of Issuing Bodies (AIB) è in corso di revisione la metodologia di calcolo del mix complementare nazionale che potrebbe determinare, già dal prossimo anno, delle variazioni nelle numeriche dei mix per il consuntivo 2020 e per gli anni successivi.
  • il mix energetico iniziale cip 6/92;
  • il mix complementare dei produttori.

È possibile consultare tutte le determinazioni del GSE nella sezione del sito istituzionale relativa ai mix energetici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui