Droni, riciclo, ICT e partecipazione: ecco la smart city di Enea

L’agenzia presenta il suo modello di città intelligente del futuro, un connubio tecnologico che integra gestione hitech di edifici e infrastrutture ai principi dell’economia circolare

smart city futuro

 

 

Dal compostaggio di comunità al Social Urban Network, la collaborazione è il fulcro su cui far crescere le smartcity

(Rinnovabili.it) – Il mercato globale delle smart city è destinato a crescere rapidamente nei prossimi anni. Sotto la spinta dell’aumento demografico, della necessità di gestire al meglio risorse naturali limitate e la sempre maggiore attenzione alla sostenibilità ambienta, il settore dovrebbe superare i 2.000 miliardi di dollari di valore entro il 2025. Ma cosa vuol realmente dire “città intelligente”? E quali sono le soluzioni in grado di accelerare lo sviluppo tecnologico dei centri abitati senza dimenticare la tutela ambientale? A queste domande l’ENEA risponde oggi con il suo modello di smart city del futuro, visione hi-tech di un ecosistema urbano votato all’uso efficiente delle risorse e al comfort dei suoi abitanti. Ma non si tratta di un progetto astratto: molte delle soluzioni e tecnologie che compongono il modello ENEA, sono state già testate in alcuni quartieri di Roma e in altri Comuni italiani e successivamente qualificate all’interno dello Smart Village del Centro ENEA Casaccia. Il progetto è legato all’iniziativa “Convergenza Smart City and Communities” promossa dall’Agenzia per tradurre in pratica la discussione teorica sulla città intelligente, attraverso lo sviluppo di prodotti mirati.

 

La chiave di tutto è la collaborazione. Allo stato attuale la maggior parte dei centri urbani gestiscono autonomamente, tramite le utility, una serie di servizi strategici come l’illuminazione, l’acqua, l’elettricità, il gas, i rifiuti e la mobilità. L’approccio scelto da Enea punta invece su cooperazione, convergenza e partecipazione  “Città e territori difatti diventano Smart laddove si consolidi una stretta collaborazione tra coloro che sono i principali attori dei processi gestionali e d’innovazione urbana ed il mercato nella sua eccezione più ampia”, spiegava lo scorso anno Nicoletta Gozo ricercatrice ENEA della Divisione Smart Energy.

E il nuovo modello di Smart District Urbano, disegnato assieme ai principali istituti universitari nazionali, fa della collaborazione il suo punto di forza. Il progetto prevede tre settori applicativi: servizi aggregati per edifici, infrastrutture pubbliche energivore e smart community. A livello orizzontale è stata sviluppata una piattaforma ICT (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) in grado di connettere tutti i servizi urbani e le innovazioni realizzate.

 

Le soluzioni in questione comprendono:

Smart home, un controllo domotico basato su una serie di sensori a costi contenuti e ridotta invasività, in grado di effettuare nelle abitazioni monitoraggi energetico-ambientale, segnalare effrazioni alla sicurezza e controllare le condizioni di salute delle persone. Tra le tecnologie utilizzate c’è anche Sesto Senso”, il maggiordomo virtuale brevettato da ENEA, che permette di rilevare persino i livelli di CO2;

 

 

Smart building, un edificio innovativo implementato da un impianto fotovoltaico, accumulo a batterie e software di gestione dei flussi energetici;

 

 

Smart street, un insieme di soluzioni per il monitoraggio dei parcheggi, la ricarica di veicoli elettrici, la rilevazione di infrazioni o situazioni critiche (es. allagamenti), il controllo dell’inquinamento atmosferico e acustico;

 

 

Lampioni intelligenti, ossia impianti a LED dotati di connettività e sensoristica  per poter regolare da remoto e in automatico l’intensità luminosa, acquisendo nel contempo i dati di flussi di traffico

 

 

Software per previsioni di rischio delle infrastrutture energetiche e idriche

 

 

Droni per il monitoraggio energetico degli edifici energivori attraverso riprese video e termografie

 

 

Sistema di gestione intelligente della rete idrica per individuare le perdite in tempo reale sia a livello di singolo utente che di distretto urbano;

 

 

Controllo automatizzato degli impianti di depurazione delle acque reflue, grazie a un sistema brevettato da ENEA che consente risparmi significativi nei consumi elettrici e a una metodologia innovativa di “labelling”energetico mediante l’introduzione di opportune classi di efficienza;

 

 

Compostaggio di comunità;

 

 

Piattaforma nazionale per il monitoraggio e la valutazione dei consumi delle infrastrutture pubbliche energivore;

 

 

Social Urban Network, una metodologia già testata nel quartiere di Centocelle a Roma per lo sviluppo di una smart community locale e la promozione della co-governance, la partecipazione alla vita collettiva e comportamenti sostenibili grazie a processi formativi e organizzativi, living lab e tecnologie ICT.

Articolo precedenteCon il Premio PIMBY largo alle nuove infrastrutture
Articolo successivoIn Guinea la diga cinese che minaccia 1.500 scimpanzé

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui