Rinnovabili elettriche, nuovo segno negativo sul contatore

Il GSE pubblica i nuovi dati in merito al “costo indicativo cumulato annuo degli incentivi” riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili, diversi da quelli fotovoltaici

Rinnovabili elettriche, nuovo segno negativo sul contatore

 

(Rinnovabili.it) – Il Gestore dei servizi elettrici (GSE) ha aggiornato nuovamente il Contatore oneri, lo strumento operativo che visualizza il “costo indicativo cumulato annuo degli incentivi” riconosciuti agli impianti alimentati da fer elettriche diverse dal fotovoltaico. Per la precisione al 30 aprile 2016, il costo indicativo annuo risultava essere pari a circa 5,605 miliardi di euro con una ulteriore diminuzione di circa 10 milioni di euro rispetto al mese precedente. Continua dunque, come già annunciato dallo stesso Gestore, il trend “negativo” per il display del contatore, ormai da tempo in costante calo.

Il motivo? La liberazione di fondi dai vecchi sistemi d’incentivazione e dai meccanismi in corsoLa riduzione osservata è da imputarsi principalmente alla progressiva scadenza del periodo di incentivazione di impianti a CV e CIP6, cui si aggiunge l’attività di controllo da parte del GSE che ha determinato una riduzione del costo indicativo annuo di circa 4 milioni di euro”, spiega il Gestore in una nota stampa.

 

Basti pensare alle convenzioni Cip 6 stipulate dal 1992 al 2001: con i loro 15-20 anni di durata, questi premi sono, in molti casi, conclusi o prossimi a farlo, andando a liberare di conseguenza risorse che risultavano impegnate nei precedenti calcoli. La stima del GSE riguarda infatti un onere annuo potenziale degli incentivi già impegnato anche se non ancora interamente sostenuto.

 

Dei 5,6 miliardi di euro totali, 3,05 miliardi appartengono ai Certificati Verdi e più di 1,81 miliardi alla Tariffa Omnicomprensiva; seguono gli oltre 289,7 milioni di euro degli impianti non ancora entrati in esercizio, ammessi ai registri in posizione utile o risultati vincitori delle procedure di asta al ribasso, secondo quanto previsto dal DM 6/7/2012, i 162 milioni del CIP6 e i 287,6 milioni relativi agli impianti in esercizio (DM 6/7/2012). Alla data in questione il Conto Energia per il Solare Termodinamico segnava un costo indicativo annuo di 1,3 milioni di euro, assegnati a 3 impianti per una potenza totale di 776 MW.

 

Immagine-e1460040279159

 

 

Nonostante questo calo, già da tempo il Gestore ha rassicurato gli operatori: il contatore delle fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico non supererà, per tutto il 2016, il tetto dei 5,8 miliardi di euro, nemmeno nello scenario peggiore tra quelli ipotizzati, ovvero in assenza di revisioni normative o di eventi inattesi. In base allo scenario evolutivo elaborato dal GSE, in assenza di revisioni normative o di eventi inattesi, anche nelle ipotesi peggiori, con prezzo dell’energia più basso, con l’entrata effettiva in esercizio di tutti gli impianti ammessi ad aste e registri (anche se oggi ancora allo stato di progetto) e in caso di aumento della producibilità degli impianti stessi, il tetto dei 5,8 miliardi non sarà raggiunto nel corso di tutto il 2016.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui