Rinnovabili: dalla UE 2,4 mld per l’innovazione italiana

La Commissione europea ha adottato oggi il Programma operativo per le imprese e competitività 2014-2020 diretto alle regioni italiane meno sviluppate e in transizione in Italia

Rinnovabili: dalla UE 2,4 mld per l’innovazione italiana

 

(Rinnovabili.it) – Ben 2.4 miliardi di euro di cui 1.7 miliardi di euro arrivati direttamente dal FESR. Questo il budget sbloccato per l’Italia con il nuovo Programma operativo per le imprese e competitività 2014-2020. Diretto alle regioni italiane meno sviluppate e in transizione, il programma è stato adottato proprio in questi giorni dalla Commissione europea e mira a rafforzare la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo tecnologico, migliorando nel contempo l’uso e l’accesso alle tecnologie dell’ITC e aiutando le piccole e medie imprese a divenire più competitive nella transizione verso un’economia a bassa emissione di carbonio.

 

“Il programma, – ha commentato il commissario per la Politica regionale Corina Creţu – in linea con gli obiettivi europei di creazione di occupazione e crescita sostenibile, aiuterà l’Italia trasformarsi in una moderna economia della conoscenza in grado di competere sul mercato globale Questo pacchetto di investimenti aiuterà le imprese italiane, in particolare le Pmi, a sfruttare pienamente il loro potenziale di innovazione e a rafforzare la loro competitività, con l’obiettivo di creare posti di lavoro di qualità”.

 

Da questo intervento ci si spetta un incremento delle attività di collaborazione tra imprese nel settore della ricerca e dell’innovazione del 5% e del 10% rispettivamente per le regioni meno sviluppate e per le regioni in transizione. Ma soprattutto è attesa una promozione dell’uso delle energie rinnovabili nelle imprese e l’attuazione di sistemi di distribuzione intelligenti, al fine di massimizzare il potenziale di produzione di energie pulite (21,2%). L’approvazione del programma operativo segue quella, avvenuta lo scorso ottobre, dell’Accordo di partenariato, ossia del piano strategico che definisce le priorità di investimento per l’intero territorio nazionale. Per ottenere i finanziamenti del FESR, l’Italia ha presentato nel complesso 21 programmi operativi regionali e 6 nazionali (Cultura, Imprese e Competitività, Infrastrutture e Reti, Ricerca e Innovazione, Città Metropolitane e Legalità).

Articolo precedenteClima: ecco le proposte dei ministri dell’Ambiente europei
Articolo successivoGiglio smart island, firmato l’accordo Terna Plus e IBM

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui