La strada verso un sistema energetico senza fossili inizia qui

Fare a meno di petrolio, carbone e gas naturale entro il 2050 è possibile e il report dalla European Climate Foundation mostra come

sistema energetico senza fossili

 

 

Realizzare un sistema energetico senza fossili significa far risparmiare alla famiglie europee fino a 23 mld di euro

(Rinnovabili.it) – Riqualificazione edilizia, elettrificazione dei consumi a base di rinnovabili e accumulo a lungo termine. Questi i punti chiave di “Towards Fossil-Free Energy in 2050”, il rapporto commissionato dalla European Climate Foundation per indicare la strada verso un sistema energetico senza fossili. Il documento, redatto da Element Energy e Cambridge Econometrics, analizza come portare a termine la decarbonizzazione della società europea prendendo come punto di partenza la stessa strategia pubblicata da Bruxelles (leggi anche Zero emissioni al 2050: la strategia per un’Europa climaticamente neutrale). Nel complesso analizza sei scenari che coprono una vasta gamma di vettori energetici e tecnologie a zero emissioni per diversi modelli geografici in rappresentazione delle differenti zone climatiche dell’Europa.

 

“Lo studio – spiegano gli autori – rileva come in Europa siano realizzabili diverse configurazioni di sistemi energetici privi di combustibili fossili e come ognuna di queste presenti vantaggi socio-economici rispetto a una linea di riferimento attuale. Ma sono necessarie chiare scelte infrastrutturali e politiche solide per guidare la transizione in modo da mantenere competitiva l’economia, assicurando al tempo stesso il miglior affare per i cittadini europei”.

 

L’obiettivo del lavoro era quello di riuscire a fornire un’analisi approfondita dell’integrazione settoriale fra comparto elettrico, termico residenziale e trasporti stradali.

Il risultato è che è possibile puntare ad un  sistema energetico senza fossili entro i 2050 garantendo nel contempo dei vantaggi socio economici che gli autori stimano in: 1,8 milioni di nuovi posti di lavoro, 23 miliardi di euro di risparmi nella spesa energetica delle famiglie e una crescita del 2,1% del PIL comunitario.

 

“E’ una buona notizia per il clima: oggi abbiamo già tutte le tecnologie per cessare completamente l’utilizzo dei combustibili fossili entro il 2050 in totale sicurezza e in modo conveniente”, spiega Luca Bergamaschi, Ricercatore Associato, Istituto Affari Internazionali e promotore di Clima Europa. “Le rinnovabili sono importanti ma la chiave è investire massicciamente in efficienza energetica e nell’elettrificazione intelligente del riscaldamento e dei trasporti. E’ evidente che non abbiamo più bisogno di nuove infrastrutture fossili, come gasdotti, a patto di accelerare l’impiego dell’efficienza energetica e l’elettrificazione del riscaldamento. […] Dobbiamo ripensare in toto la politica estera e le relazioni internazionali dando seriamente priorità all’attuazione dell’Accordo di Parigi.”

 

La ricetta per un sistema energetico senza fossili

Efficientamento energetico in edilizia: Le misure per migliorare l’efficienza termica degli edifici richiedono investimenti anticipati, ma portano a significativi risparmi su tutta la linea – fino al 22% se applicati con tecnologie intelligenti – grazie ai costi evitati sul fronte  infrastrutture e produzione, a causa della minore domanda energetica. “Dovrebbero essere trovati i mezzi per remunerare i clienti per questi costi di sistema evitati”, suggeriscono gli autori.

 

Elettrificazione intelligente e a base di rinnovabili: Il rapporto mostra che, poiché l’elettricità può essere uno strumento valido di decarbonizzazione, diventa interessante massimizzare il valore di quella prodotta in maniera pulita in tutti i settori dell’economia, come la mobilità, gli edifici e l’industria. L’elettrificazione, se integrata in modo intelligente nel sistema energetico, può ridurre fino al 54% la necessità di backup termico e ridurre del 70% il renewables curtailment (il distacco degli impianti eolici e solari della rete in caso di sovrapproduzione).

 

Bilanciamento della domanda: Questa è una sfida chiave per qualsiasi sistema energetico a zero emissioni di carbonio. Soprattutto nei paesi del Nord Europa più freddi, con un forte andamento stagionale della domanda di calore. In questo caso teleriscaldamento e l’idrogeno verde si dimostrano essere opzioni tecnicamente valide.

Articolo precedenteConip, economia circolare da più di vent’anni
Articolo successivoLa proposta Ue per ridurre le emissioni di trasporti, agricoltura ed energia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui