La prima batteria domestica a stato semi solido plug-and-play

Si chiama SuperBase V ed è il sistema di accumulo residenziale, modulare e di immediato utilizzo, creato dalla startup Zendure

Una capacità di 6,4 kWh per la nuova batteria residenziale pronta all’uso

(Rinnovabili.it) – Una batteria domestica a stato semi solido e plug and play, in grado di superare le performance della tecnologia litio ferro fosfato (LiFePO4). E scalabile in base alle esigenze dell’utente finale. Queste le caratteristiche clou con cui viene presentato SuperBase V, il sistema di accumulo residenziale realizzato dalla californiana Zendure. La società, produttrice di impianti di stoccaggio portatili, ha deciso di far spazio nel suo portafoglio anche alle batterie a stato semi solido, unità dotate di un elettrolita bifasico e caratterizzate da densità di energia più elevate rispetto alle alternative oggi sul mercato.

leggi anche La Cina inaugura la batteria di flusso redox più grande al mondo

SuperBase V, la prima batteria domestica a stato semi solido

Il primo prodotto sfornato è, per l’appunto, SuperBase V, nuovo “impianto elettrico portatile ad alte prestazioni”. Si tratta della prima batteria domestica a stato semi solido e pronta all’uso. Dotate di una densità energetica di oltre 228 Wh/kg, spiega la società, le unità possono incamerare fino al 42% di energia in più rispetto all’ultima generazione a ioni di litio. Vantando anche una maggiore sicurezza operativa. “E, con il nostro software di gestione, la durata del prodotto può superare i dieci anni”.

Relativamente piccole e compatte, queste nuove batterie residenziali “semi solide”, offrono una capacità di capacità di 6,4 kW. Ma le unità sono progettate per essere scalabili e raggiungere fino ad un massimo di 64 kWh. E ovviamente possono essere caricate da più fonti contemporaneamente (dall’impianto fotovoltaico domestico, alla presa di corrente, passando per caricatori esterni)

 “SuperBase V è adatto a una varietà di applicazioni, tra cui l’alimentazione di backup domestica, la vita all’aperto e la ricarica di veicoli elettrici”, afferma l’azienda in una nota stampa. “Collegato ai circuiti domestici, potresti anche non notare se si verifica un blackout”, aggiunge. La batteria domestica a stato semi solido è infatti in grado di attivare l’alimentazione di backup di zero millisecondi. “Non importa su cosa stai lavorando, SuperBase V mantiene il flusso”. Il prodotto verrà lanciato ufficialmente in occasione dell’IFA 2022 a Berlino.

leggi anche Immagazzinare energia nell’alluminio, nasce il Power-to-Al

Articolo precedenteRecord assoluto di calo emissioni di gas serra in Cina, -230 MtCO2 da aprile a giugno
Articolo successivoIl fotovoltaico ferroelettrico può rendere più semplice la produzione solare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui