La batteria più grande al mondo? Ancora una volta in Australia

Con una potenza da 1,2 GW il sistema d’accumulo progettato dalla CEP.Energy nel Nuovo Galles del Sud, è pronto a afferrare il record mondiale. Ed è solo un tassello di un piano molto più ampio

batteria più grande al mondo
Credits: Depositphotos

Non si esaurisce la corsa globale alla batteria più grande al mondo

(Rinnovabili.it) – Quando nel 2017 la Tesla realizzo l’impianto d’accumulo di Hornsdale, nell’Australia Meridionale, il mondo delle rinnovabili festeggiò un grande record. Il sistema con i suoi 129 MWh capacità e una potenza di 100 MW, era la batteria più grande al mondo. Il primato, tuttavia, durò poco. Da allora è iniziata una vera e propria corsa globale all’energy storage, con progetti internazionali progressivamente più grandi ed ambiziosi. Eppure i record tornano sempre in Australia, come dimostra il futuro impianto di stoccaggio di Kurri Kurri, nel Nuovo Galles del Sud.

Progettata dalla società CEP.Energy – il cui presidente è l’ex premier dello Stato, Morris Iemma – a regime la nuova batteria avrà un potenza di 1,2GW. Si tratta del valore più alto tra quelli fino ad oggi installati o pianificati. E otto volte quanto offerto dal primo accumulo di rete della Tesla su suolo australiano. Per Iemma non vi è dubbio che le maxi batterie “giocheranno un ruolo importante nel colmare le lacune lasciate dal graduale ritiro della produzione a carbone e gas, inclusa la vicina centrale elettrica di Liddell”. “La tabella di marcia per l’energia pulita delineata dal governo del Nuovo Galles del Sud – ha continuato l’ex premier – ha fornito al mercato la fiducia necessaria per investire nella generazione rinnovabile supportata da grandi accumuli a batterie”.

“Il sito (Hunter Economic Zone) per la nostra batteria – ha aggiunto l’ a.d. Peter Wright, – è suddiviso in zone per uso industriale pesante, pre-approvato per la generazione di energia e situato vicino all’infrastruttura della sottostazione. È tra i migliori e pochi siti in Australia con una connessione alla rete, affidabile ed efficiente”.

L’impianto di Kurri Kurri dovrebbe entrare in funzione per fasi, con un inizio operativo nel 2023, ma è chiaro ormai che il titolo di batteria più grande al mondo sarà solo temporaneo, dato il crescente interesse per questa tecnologia. Nel frattempo, la società sta continuando a lavorare, sempre in Australia, su un’imponente centrale elettrica virtuale aggregata. Nei prossimi 5 anni CEP prevede, infatti, di installare ben 1,5 GW di generazione solare su tetti industriali, supportata da 400 MW di accumulo.

Leggi anche Una centrale virtuale: da Enel X prima aggregazione accumuli domestici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui